Ports > Rossi:”Noi lavoriamo al bando Darsena Europa, altri sono fermi alle nomine”

Rossi:"Noi lavoriamo al bando Darsena Europa, altri sono fermi alle nomine"

FIRENZE - “Mi pare che mentre molti chiacchierano e sono fermi sulle nomine, noi lavoriamo. Entro metà settembre pubblicheremo il bando per assegnare l’incarico della progettazione della parte pubblica dei lavori per la Darsena Europa, un’opera da 260 milioni di euro”.
Con vena polemica il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, stigmatizza la mancata elezione del segretario del Comitato portuale e rivendica con soddisfazione l’operatività mostrata dal nucleo operativo sulla Darsena Europa, che si è riunito presso la presidenza della Regione Toscana. Presenti Comune di Livorno, Rete Ferroviaria Italiana, le direzioni regionali mobilità e ambiente oltre alla delegazione dell’Autorità portuale guidata dal presidente Stefano Corsini.

“La tabella di marcia – ha aggiunto il presidente Rossi – è stata rispettata e abbiamo fatto un buon passo avanti. Conto che entro settembre siano appaltati i sondaggi sul porto, così come ho richiesto un incontro intorno a metà settembre all’amministratore delegato di RFI, Maurizio Gentile, per decidere definitivamente sui problemi relativi all’avvio dei lavori per lo scavalco ferroviario e alla sistemazione dell’infrastruttura ferroviaria portuale già nell’ottica di un collegamento con la linea ferroviaria Collesalvetti-Vada. Il nostro obiettivo è di accelerare il più possibile i tempi di realizzazione delle opere”.

Al termine della riunione anche il presidente Stefano Corsini si è detto soddisfatto perché “stiamo procedendo nei tempi che ci siamo dati e andiamo avanti senza scossoni. Rispetto allo scavalco ferroviario è emerso che ci sarà da fare qualche aggiustamento sugli adeguamenti tecnologici, ma anche qui stiamo andando avanti come da programma e contiamo quindi di realizzarlo nei tempi previsti. Anche gli altri lavori sul porto viaggiano nei tempi attesi e sono quindi fiducioso circa il fatto che riusciremo a procedere senza perdite di tempo ma cercando di andare più velocemente possibile per recuperare tempo”.

Il presidente Rossi ha cercato di tracciare una road map che contempla la possibilità di avere il progetto esecutivo della nuova Darsena Europa entro l’anno e l’avvio dei lavori entro la metà del 2018. Un calendario dai tempi molto stretti, rispetto ai quali ha comunque invitato tutti ad accelerare più possibile.
“E’ infatti questo – ha concluso Enrico Rossi – il passo che vorrei dare all’intera vicenda: un ritmo il più possibile serrato. E’ per questo che do appuntamento a tutti per una nuova riunione di questo nucleo operativo agli inizi di ottobre, quando potremo compiere una nuova verifica circa lo stato di attuazione del cronoprogramma che ci siamo dati”.

Post correlati

D’Agostino in Baviera: “Trieste rail port internazionale, riferimento per il mercato tedesco”

TRIESTE– Il porto di Trieste  in missione a Monaco di Baviera ha incontrato, presso la Camera di Commercio e dell’Industria […]

Più economia circolare nei porti europei – Al via il progetto “Loop-ports”

Il progetto LOOP-Ports – Circular Economy Network of Ports – pensato per facilitare la transizione verso una economia più circolare […]

Presentata la XII° edizione di Porto Aperto a Livorno

LIVORNO – Presentata stamani a Scali Rosciano, la XII° edizione di Porto Aperto, l’iniziativa organizzata dall’Authority in collaborazione con la […]


Leggi articolo precedente:
Gioia Tauro: Dopo il blocco del porto, autorizzata la prima mensilità Ima

GIOIA TAURO- In seguito al blocco del porto di Gioia Tauro nato dalle agitazioni dei lavoratori, il prefetto, Michele Di Bari,  ha...

Chiudi