lorenziniterminal
grimaldi
Cruise & Ferries > Privatizzazione Porto 2000, nessuna lesione della par condicio

Privatizzazione Porto 2000, nessuna lesione della par condicio

LIVORNO- Nella gara per la privatizzazione di Porto di Livorno 2000, la società di gestione del terminal crociere dello scalo labronico, “non c’è stata alcuna lesione della par condicio” questo è quanto affermano Giuliano Gallanti, commissario dell’Autorità portuale e Massimo Provinciali, segretario generale dell’Authority e presidente della società terminalistica; «Porto 2000 ha continuato ad esercitare la propria attività commerciale, proseguendo o acquisendo collaborazioni con le principali linee di navigazione, sia crociere che traghetti, tra le quali anche la compagnia di navigazione di cui codesta società è mandataria». La risposta è diretta a Sinergest, la società che gestisce la stazione marittima di Olbia e che concorre al bando per l’acquisizione della maggioranza del porto passeggeri di labronico. Sinergest (detenuta al 51% da Moby Spa) nei giorni scorsi aveva inviato una raccomandata a palazzo Rosciano con cui accusava l’Ente di «lesione della par condicio dei concorrenti». Il motivo? Secondo Sinergest il ritardo dell’inserimento di dati riservati e confidenziali, inerenti l'operazione in corso, fatto che avrebbe dato un vantaggio ad uno dei concorrenti alla gara: il gruppo  Carnival. Alla società rispondono Gallanti e Provinciali: «E' di tutta evidenza che tali rapporti commerciali comportano la detenzione in capo a Porto 2000 di informazioni sensibili rispetto a cui vige tra le parti un vincolo di riservatezza. Il tempo trascorso tra la richiesta di accesso ai contenuti dell'accordo con il gruppo Carnival e la sua pubblicazione è stato speso in approfondimenti tecnico- legali tesi a individuare il punto di equilibrio tra il diritto all'informazione dei concorrenti e il diritto alla riservatezza dei clienti esame infine risolto a vantaggio dei primi, tanto che i contenuti dell'accordo sono stati inseriti nella data room e che è stata conseguentemente disposta una proroga del termine di presentazione delle offerte»

rapporti commerciali comportano la detenzione in capo a Porto 2000 di informazioni sensibili rispetto a cui vige tra le parti un vincolo di riservatezza», continuano Gallanti e Provinciali- «Il tempo trascorso, tra la richiesta di accesso ai contenuti dell'accordo con il gruppo Carnival e la sua pubblicazione, è stato speso in approfondimenti tecnico- legali tesi a individuare il punto di equilibrio tra il diritto all'informazione dei concorrenti e il diritto alla riservatezza dei clienti esame infine risolto a vantaggio dei primi, tanto che i contenuti dell'accordo sono stati inseriti nella data room e che è stata conseguentemente disposta una proroga del termine di presentazione delle offerte»

Post correlati

Civitavecchia tocca quota 1 milione di crocieristi dall’inizio dell’anno

CIVITAVECCHIA – I porti italiani nel settore delle crociere si preparano ad registrare numeri record per il periodo di Ferragosto, […]

Il gruppo Grimaldi prende in consegna la nave ro-ro Eco Adriatica

L’undicesima nave ibrida della classe Grimaldi Green 5th Generation (GG5G) Eco Adriatica è stata consegnata al gruppo Grimaldi.  Si tratta, […]

Stretto Messina, istituito al Mims Tavolo tecnico per migliorarne l’attraversamento

ROMA – L’attraversamento dinamico dello Stretto di Messina e i possibili miglioramenti, sono al centro delle attività di un Tavolo […]


Leggi articolo precedente:
Piattaforma Europa: Proroga per la gara, i candidati chiedono più tempo

LIVORNO Due mesi e mezzo di proroga per la presentazione delle domande di partecipazione alla gara per la progettazione, realizzazione...

Chiudi