lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Porto di Ancona, siglato il contratto per la ristrutturazione del mercato ittico

Porto di Ancona, siglato il contratto per la ristrutturazione del mercato ittico

Porto di Ancona, l'AdSP firma il contratto per l’intervento di ristrutturazione del mercato ittico - Aggiudicatario del bando il raggruppamento temporaneo d’impresa Fratelli Navarra srl di Milano, capogruppo, e Biagiotti srl di Schieppe di Terre Roveresche.

ANCONA – L’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale, ha aggiudicato il bando ed ha siglato il contratto per i lavori di ristrutturazione dell’edificio demaniale del mercato ittico del porto di Ancona. Firmatari dell’incarico il commissario straordinario dell'AdSP, ammiraglio Giovanni Pettorino,Attilio Maria Navarra, rappresentante del raggruppamento temporaneo d’impresa Fratelli Navarra srl di Milano, capogruppo, e Biagiotti srl di Schieppe di Terre Roveresche, che si è aggiudicato il bando.

Il mercato ittico, nato nel 1948 dalla creatività di uno dei più importanti architetti del Novecento italiano, Gaetano Minnucci, è uno dei luoghi dell’economia e del lavoro portuale, simbolo di uno dei settori produttivi più importanti dello scalo, quello della pesca. È un punto di riferimento per le Marche, il centro e nord Italia perché specializzato nell’esclusiva commercializzazione del pesce fresco all’ingrosso di grande varietà e qualità, pari a 1.500 tonnellate all’anno e con un volume di affari di circa 10 milioni di euro. Sono 40 le imbarcazioni che fanno riferimento al mercato ittico dorico, il 95% di Ancona con una forza lavoro, indotto compreso, di un migliaio persone.

Procediamo con l’impegno per far rinascere questo spazio fondamentale per l’economia del porto e della città, legata indissolubilmente alle opportunità offerte dall’affaccio sul mare Adriatico – afferma l'ammiraglio Giovanni Pettorino -. I lavori previsti miglioreranno le modalità operative del mercato ittico e degli operatori di un settore fondamentale per lo scalo”.

L’intervento di ristrutturazione prevede un quadro economico complessivo di 3.430.000 euro. Il progetto, approvato lo scorso dicembre in via esecutiva, è stato aggiudicato al raggruppamento temporaneo di professionisti Acale srl, Gea società cooperativa e Acale studio associato di Ancona. Per la ristrutturazione del mercato ittico, l’Autorità di sistema ha ottenuto un cofinanziamento di 850 mila euro da un bando della Regione Marche per la modernizzazione delle infrastrutture per la pesca finanziato con fondi Feamp.

I lavori di ristrutturazione interesseranno una superficie di 4.200 metri quadrati su un totale di 4.717 metri quadrati a cui si aggiungono i volumi della caratteristica forma “ad onda” dell’edificio principale e storico. Il progetto prevede il risanamento strutturale dell’edificio, con l’ammodernamento tecnologico-ambientale e la riqualificazione sia energetica sia architettonica e funzionale, e l’avvio della riqualificazione dell’area del Mandracchio. Fra gli scopi dell’intervento, c’è il rafforzamento dell’identità del mercato ittico, come luogo di lavoro strategico, valore architettonico, legato alla tradizione e sintesi del rapporto fra il mare, la città e il territorio. Altro obiettivo è quello di favorire l’interazione di questo spazio con la città: oltre a conservare l’attività di mercato del pesce, avrà un’attività di ristorazione per la valorizzazione del prodotto ittico, con una superficie di 250 metri quadrati e 70 posti, e un’area per la riscoperta delle attività storiche dei retatori e delle altre legate al mondo della pesca.

Il raggruppamento d’imprese aggiudicatario avrà a disposizione 730 giorni per completare i lavori, slittati per la carenza di materie prime che interessa in questo periodo il settore edilizio. L’intervento procederà in accordo con l’Associazione produttori pesca, che gestisce il mercato ittico, tanto che i lavori specifici nella sala dove si svolge l’asta si svolgeranno durante le settimane del fermo pesca del 2022.

Post correlati

L’ammiraglio Liardo riceve Wista: “Genova, la diga è necessaria” “Capitanerie, personale – 20%, è un problema”

L’ammiraglio Liardo ad un anno dal suo insediamento, il futuro del porto in attesa che i progetti si concretizzino, a […]

Taranto Cruise Ports, partnership finanziaria con Banca di Taranto

Taranto Cruise Port, società del network Global Ports Holding (GPH) – maggiore operatore indipendente di terminal crociere al mondo – […]

Nata Nomisma Mare, studierà le attività economiche connesse al mare

BOLOGNA –  Costituita Nomisma Mare, la nuova divisione di Nomisma Spa. Il Consiglio di amministrazione di Nomisma Spa, riunitosi a […]


Leggi articolo precedente:
Hapag Lloyd
Anche Hapag Lloyd blocca gli aumenti dei noli

Hapag-Lloyd è il secondo vettore globale di container ad annunciare la sospensione degli aumenti dei noli. Una settimana fa la...

Chiudi