Porti Stretto, al via il bando per l’elettrificazione delle banchine

porto Messina

I porti di Messina, Reggio Calabria e Milazzo entrano nel vivo della transizione ambientale – Avviato il bando per il cold ironing, finanziato dal Piano Complementare al PNRR.

MESSINA – I Porti dello Stretto procedono verso la transizione green. Invitalia ha infatti pubblicato il bando della gara per la progettazione definitiva ed esecutiva e la realizzazione delle opere per l’elettrificazione delle banchine dei porti di Messina, Reggio Calabria e Milazzo. Ne ha dato comunicazione, stamani, l’Autorità di Sistema portuale dello Stretto sottolineando il ruolo di Invitalia, soggetto a cui sono state affidate le funzioni di centrale di committenza.

Le caratteristiche dei Porti dello Stretto, inseriti all’interno delle città, e la particolare tipologia di traffici presenti rendono infatti molto indicata l’implementazione di un sistema On-Shore Power Supply per alimentare elettricamente le navi in sosta. Ciò consentirà lo spegnimento dei motori e la conseguente riduzione significativa nelle aree portuali di emissioni e inquinanti atmosferici, fra cui i particolati e gli ossidi di azoto.

Lo studio e il progetto di fattibilità, affidati e svolti negli scorsi due anni, hanno permesso di definire in maniera puntuale gli elementi di natura tecnico-economica alla base dei successivi livelli di progettazione che adesso possono essere affidati tramite la gara in corso di pubblicazione.

Dopo l’obbligatoria redazione del Documento Energetico ed Ambientale del Sistema portuale, che ha delineato le strategie e le iniziative di breve e medio-lungo termine dell’AdSP in materia di sostenibilità energetica ed ambientale, l’Ente inizia così concretamente la trasformazione ecologica dei porti di competenza, partendo da questo significativo intervento che si inquadra in un più ampio progetto di efficientamento energetico denominato “Stretto Green”. L’importo complessivo è di 23 milioni e 200 mila euro, di cui 20 milioni concessi all’AdSP nell’ambito del Piano Nazionale Complementare.

LEGGI TUTTO
E' del Gruppo PIFIM la proposta per il terminal contenitori di Cagliari

Gli studi hanno ipotizzato che per i tre porti da elettrificare sia necessario un fabbisogno complessivo di potenza pari a circa 45 MVA. Per il Porto di Messina è prevista l’elettrificazione di tutte le banchine del porto storico e saranno alimentabili anche le navi da crociera; la potenza complessiva sarà di circa 22 MVA ed è stata già considerata la possibilità di aumentare tale potenza. Nel Porto di Reggio Calabria saranno elettrificate invece le Banchine di Levante e il Molo Eolie, con una potenza disponibile pari a circa 19 MVA, da destinare anche alle navi da crociera. Per il Porto di Milazzo, caratterizzato da una tipologia di naviglio più piccolo e molto diversificato, l’elettrificazione interesserà quasi tutte le banchine ma con potenze complessive minori, pari a circa 4,4 MVA. Sono state altresì avviate interlocuzioni a livello nazionale con il distributore della rete elettrica per rendere disponibili le potenze richieste.

Il presidente dell’AdSP, Mario Mega ha dichiarato: “Siamo soddisfatti di portare in gara, tra le prime AdSP in Italia, un PFTE molto approfondito e dotato di tutte le autorizzazioni che permetterà di avviare presto e bene i lavori di elettrificazione delle banchine portuali, consentendo di far trovare pronti anche i Porti dello Stretto rispetto alle nuove direttive europee per la decarbonizzazione del traffico marittimo e la riduzione delle emissioni climalteranti”.

La gara, pubblicata al link https://ingate.invitalia.it/esop/toolkit/opportunity/current/8954/detail.si, sarà affidata con procedura aperta ai sensi dell’art. 60 del D.Lgs. 50/2016 e la scadenza per la presentazione delle offerte è prevista per giorno 3 marzo alle ore 10.30.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC