lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Il nuovo maxi bacino galleggiante in dirittura di arrivo al Pireo

Il nuovo maxi bacino galleggiante in dirittura di arrivo al Pireo

Lungo 240 metri, largo 45 metri, servirà il mercato dell'industria cantieristica delle riparazione e manutenzioni navali.
IL PIREO - Il 2018 è iniziato per il Gruppo cinese COSCO con il lancio dei nuovi progetti per il potenziamento del  porto del Pireo, porta dell'Asia verso l'Europa centrale e orientale. 
Tra il 2010 e il 2015, la capacità di gestione delle merci del porto del Pireo è passata da 880 mila a 3,36 milioni di Teu e dal 2016 quando  COSCO ha concordato l’acquisizione del 67% del capitale azionario dell’Autorità portuale del Pireo, il porto è passato dal 93° al 39° posto globale per capacità di movimentazione delle merci. "Da quando China Ocean Shipping Company ha acquisito la maggioranza dell'Autority (PPA)  l'immagine del porto è cambiata rapidamente",- ha sottolineato il ministro greco dei trasporti marittimi, Panayiotis Kouroublis, in occasione del lancio dei nuovi progetti di ampliamento del porto del Pireo, come il più grande scalo della Grecia. 
Alla fine di febbraio arriverà dalla Cina la nuova grande piattaforma galleggiante "Pireo III", per la riparazione di navi di qualsiasi tipo. Inoltre i nuovi lavori prevedono il dragaggio del porto per portare la profondità delle acque a -20 mt, la fornitura di nuove reti elettriche e idriche e l'installazione di quattro boe per l'ancoraggio delle navi. La nuova piattaforma galleggiante - lunga 240 metri, larga 45 metri, sarà dotata di gru con capacità di sollevamento di 22mila tonnellate e sarà in grado di servire navi con una capacità di 80.000 tonnellate.
Il ministro greco si è espresso in termini positivi in merito alla  cooperazione con gli investitori cinesi, parlando con l'agenzia di stampa cinese, Xinhua, ha detto: "La politica del ministero dei trasporti marittimi, continuerà a facilitare qualsiasi attività di sviluppo di Cosco cercando di lavorare per ridurre gli ostacoli burocratici.  Allo stesso tempo, sosteniamo i diritti dei lavoratori accogliendo gli accordi tra i dipendenti e  la Port Authority  per la firma del contratto collettivo di lavoro. "
"Il grande bacino galleggiante contribuirà a mantenere e sviluppare l'industria cantieristica nelle aree del Pireo e di Perama, perchè le compagnie armatoriali avranno la possibilità di effettuare qui le riparazioni navali", ha precisato Koumpenas. 
Il governo greco quindi vede l'arrivo della nuova piattaforma come la possibilità di catalizzare al Pireo le attività cantieristiche di riparazione e manutenzione navale sia nel settore petrolifero che nel crocierismo, una mossa che dovrebbe creare anche nuovi posti di lavoro nel mercato greco. 
"Negli ultimi anni, a causa della mancanza di banchine adeguate, le compagnie armatoriali sono state obbligate ad attraccare le loro navi in ​​paesi confinanti come Malta, Turchia e Croazia. Ciò ha comportato la perdita di entrate significative per l'economia nazionale ", ha concluso il ministro.

Post correlati

Aponte a Gioia Tauro, sabato anche la visita del viceministro – Operazione rilancio

GIOIA TAURO – L’armatore del Gruppo MSC, Gianluigi Aponte, ha fatto visita al porto di Gioia Tauro incontrando il commissario […]

Concessionari portuali – Aumento Ires: «effetti deleteri per i nostri porti» – L’attacco di Assologistica

Addizionale Ires sui redditi derivanti dallo svolgimento di attività in concessione, interviene anche Andrea Gentile presidente di Assologistica. «Arriva un […]

Assemblea Assopporti riunita a Venezia – Focus su tassazione Ue ai porti italiani

VENEZIA – Incontro a Venezia dei presidenti dei porti italiani – L’Assemblea di Assoporti, l’Associazione che riunisce i porti italiani, […]


Leggi articolo precedente:
Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture portuali

ROMA - Entro il 2 febbraio i soggetti interessati potranno formulare osservazioni in merito a "Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture...

Chiudi