Ports > Livorno vento a 100 km/h, uomo cade in mare -Salvato dalla Guardia costiera

Livorno vento a 100 km/h, uomo cade in mare -Salvato dalla Guardia costiera

La forte libecciata, 55 nodi (oltre 100 Km orari), con mare in burrasca ha sorpreso una barca a vela a circa 5 miglia dalla costa di San Vincenzo. Un uomo dell'equipaggio caduto in mare  viene tratto in salvo dalla Guardia costiera
 
LIVORNO- La Guardia costiera di Livorno ha coordinato ieri pomeriggio, con il concorso del personale di Portoferraio e Piombino, un complesso intervento a favore di una barca a vela di 14 metri in difficoltà, dalla quale, a largo di San Vincenzo, a causa delle cattive condizioni meteorologiche, era caduto un uomo in mare.
Tutti della provincia di Siena i 5 uomini d’equipaggio del natante, tra i 53 e i 68 anni che nel primo pomeriggio erano partiti proprio dal porto di San Vincenzo in direzione Gibilterra per partecipare ad una regata. L’aumento della forza del vento, arrivato a toccare in quella zona punte di 55 nodi (oltre 100 Km orari), con mare in burrasca, ha sorpreso l’unità a circa 5 miglia dalla costa. Le condizioni meteomarine hanno determinato la decisione del comandante, un cinquasettenne di Castelnuovo Berardenga, di invertire la rotta e fare rientro in porto.
 
Durante le manovre, effettuate con vele issate, come risulta dalle testimonianze rese successivamente dell’equipaggio ai militari della Guardia costiera di San Vincenzo, un’onda particolarmente grossa ha sbalzato fuori dall’imbarcazione lo stesso conduttore che in quel momento non era agganciato alla lifeline in dotazione alla barca a vela. Sul posto, a seguito del “mayday” lanciato via radio sul canale 16, captato dagli operatori della sala operativa della Guardia costiera labronica, è stata immediatamente inviata una motovedetta classe 800 “ognitempo” della Guardia costiera di Portoferraio, nonché dirottata una nave passeggeri ed uno yacht privato.
 
È stato inoltre allertato un elicottero della Guardia costiera di Sarzana. Durante l’arrivo dei mezzi, ammainate le vele dell’imbarcazione, l’equipaggio è riuscito autonomamente ad individuare e trarre in salvo l’uomo caduto in mare. La motovedetta, una volta giunta in zona, ha comunque fornito assistenza all’unità e alle persone, offrendo una cornice di sicurezza in un contesto particolarmente difficoltoso per le manovre di rientro in porto.
 
All’arrivo a San Vincenzo, i militari dell’Ufficio locale marittimo hanno provveduto ad accertarsi delle buone condizioni di salute degli uomini dell’equipaggio, nessuno dei quali ha avuto necessità dell’intervento dei sanitari.

Post correlati

Effetti del raddoppio del Canale di Suez, traffici, indicatori di competitività nel nuovo studio SRM

Il Canale di Suez, raddoppiato nel 2015, continua a rappresentare uno snodo strategico per i traffici marittimi mondiali mercantili; il […]

Livorno, Rixi: I porti dell’arco tirrenico e ligure possono fare sistema e individuare politiche comuni

di Nicolò Cecioni «A più di due anni dall’entrata in vigore del decreto legislativo 4 agosto 2016, n.169, che ha […]

Livorno, Nogarin: Bacino di carenaggio, sfruttare per sperimentazioni a gas e idrogeno

di Nicolò Cecioni LIVORNO- «Dobbiamo sfruttare di più e molto meglio il nostro bacino di carenaggio, che è il secondo […]


Leggi articolo precedente:
Salerno: La riforma del lavoro portuale / Convegno

SALERNO- Il lavoro portuale è uno degli aspetti più importanti ancora non toccati dalla riforma. Questa tematica è al centro del...

Chiudi