Livorno, Raugei (CPL) vittoria al Tar su Sponda Est «esproprio illegittimo a danno del porto»

Porto Livorno

LIVORNO – Enzo Raugei, presidente Compagnia Portuale Livorno,  interviene con una lettera, per Corriere marittimo, a commento della sentenza emessa dalla seconda sezione del Tar Toscana – nei persone dei giudici Rosaria Trizzino, presidente, Alessandro Cacciari, consigliere, Nicola Fenicia, primo referendario – in merito al ricorso presentato da CPL contro l’esproprio delle aree di proprietà sulla Sponda Est Darsena Toscana. Sentenza che si colloca nell’ambito di un più vasto contenzioso attinente alla gestione del porto di Livorno e, con la quale i giudici hanno bocciato la riorganizzazione prevista per l’area dal Piano Attuativo di Dettaglio dell’Autorità di Sistema Portuale.

«Relativamente alle recenti sentenze del Tribunale Amministrativo Regionale della Toscana nell’esprimere soddisfazione» – scrive il presidente di CPL Raugei – «preme evidenziare che in relazione al ricorso promosso dalla Compagnia Portuale di Livorno, contro il vincolo di esproprio su aree di sua proprietà, sulla sponda Est della Darsena Toscana, è stato espresso un giudizio di inammissibilità perché nel frattempo è venuta meno la causa che ha generato il ricorso.

Nella sentenza si legge infatti che: “si tratta dunque di atti prodromici rispetto all’inizio del procedimento espropriativo che la ricorrente non può avere interesse ad impugnare come testimoniato anche dal fatto che, successivamente, il Comune di Livorno, con delibera della Giunta Comunale n. 19 dell’ 11 febbraio 2020, ha sospeso ogni determinazione in merito all’avvio del procedimento di variante al Regolamento Urbanistico per l’apposizione di tale vincolo espropriativo sull’area in questione“. (..)

Insomma, nel procedimento in esame mancano ancora determinazioni di tutti gli altri soggetti pubblici coinvolti ai sensi dell’art. 5, comma 5, L. n. 84/1994.
C’è anche soddisfazione anche per quanto riguarda la nostra partecipata Cilp per la pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale della Toscana con la quale è stato annullato il Piano Attuativo di Dettaglio “Multipurpose”.
Come si legge nella sentenza, i giudici amministrativi hanno accolto la osservazione principale di C.I.L.P. (assorbendo le altre) rilevando che il Piano Attuativo di Dettaglio risulta essere stato approvato ed adottato in assenza di una norma di legge specifica in ambito marittimo, si legge infatti: “In conclusione, il Piano Attuativo di Dettaglio di cui si tratta risulta essere stato adottato e approvato in assenza di una norma di legge che preveda e fondi il potere dell’ Autorità. Il ricorso per motivi aggiunti deve quindi essere accolto, con assorbimento delle ulteriori censure stante la radicalità del vizio accertato”».

LEGGI TUTTO
Gioia Tauro, il 17 ottobre il Flash Mob: "Il porto non si ferma"

Conclude Raugei – «Compiacimento quindi nei confronti di una sentenza che avrebbe portato un grave squilibrio concorrenziale, danneggiando principalmente l’economia dello scalo livornese anche in conseguenza di espropri illegittimi di diverse aree tra cui quelle di CILP, mettendone a rischio l’operatività.
Le altre pronunce di inammissibilità lasciano impregiudicate nel merito le ragioni e le aspettative di CILP sugli argomenti trattati».

IL PRESIDENTE
Enzo Raugei

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC