lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Livorno: GNL e sviluppo nel settore portuale e logistico

Livorno: GNL e sviluppo nel settore portuale e logistico

Progetto "GNL FACILE”, approvvigionamento, stoccaggio, distribuzione primaria e secondaria; supporto al settore portuale e logistico per la riconversione delle flotte dei mezzi lato terra. Due stazioni mobili di rifornimento di Gas Naturale Liquefatto a disposizione degli operatori per alimentare i mezzi di piazzale, i pescherecci e le imbarcazioni GNL ready. 

LIVORNO - “GNL FACILE” è il nome del progetto avviato dall'Autorità di Sistema di Livorno e Piombino in collaborazione con i porti della Sardegna, della Liguria Occidentale e della Corsica, cofinanziato dal programma “Italia-Francia Marittimo. L'argomento è stato al centro dell'incontro svolto a Palazzo Rosciano durante la riunione operativa del progetto GNL FACILE il cui obiettivo è quello di attivare il processo di decarbonizzazione dei porti, di riduzione dell’impiego di combustibili fossili, di mettere in atto un processo di efficientamento energetico e riduzione delle emissioni inquinanti (acqua, terra e aria). 

Con questo progetto verranno verificate delle soluzioni di piccola scala per il rifornimento di GNL nei porti commerciali partner del progetto. Uno degli obiettivi di GNL FACILE sarà quello di realizzare due stazioni mobili di rifornimento di Gas Naturale Liquefatto a disposizione degli operatori per alimentare i mezzi di piazzale, i pescherecci e le imbarcazioni GNL ready. Per verificare le molteplici prospettive di sviluppo di GNL e coinvolgere i partner industriali verranno attivati dei gruppi di confronto tra istituzioni e stakeholder.

A ottobre il primo resoconto di queste attività che verrà fornito nell’ambito della prima “LNG Awareness Week”, evento annuale di informazione, sensibilizzazione e verifica degli stati d’avanzamento delle attività. 

La maturità del programma di decarbonizzazione e sostenibilità del sistema portuale del Mar Tirreno Settentrionale è il risultato dell’iniziativa “MEANING” del 2015 finanziata da Unione Europea e ministero delle Infrastrutture. Livorno è stato il primo porto italiano a dotarsi di una strategia globale per lo sviluppo dell’intera filiera legata al GNL: approvvigionamento, stoccaggio, distribuzione primaria e secondaria; supporto al settore portuale e logistico per la riconversione delle flotte dei mezzi lato terra (mezzi di piazzale, gru, mezzi pesanti ed autotrasporto in genere) e lato mare (rimorchiatori, bettoline, traghetti).
Questo ha consentito all’Autorità di Sistema portuale del Mar Tirreno Settentrionale di diventare un soggetto di riferimento della Strategia Nazionale per il GNL (GAINN_IT) promossa dai ministeri dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture e Trasporti.

Post correlati

Di Sarcina, situazione difficile in LSCT, emorragia di personale – MSC verso altri lidi?

LA SPEZIA – Situazione difficile all’interno della società – La Spezia Container Terminal (LSCT) -parole pronunciate da Francesco Di Sarcina, […]

Porti sardi, approvato bilancio di previsione 2021 “difficile e limitante”

Nel Bilancio di previsione 2021 considerato il calo delle entrate e i nuovi limiti normativi di spesa, il Comitato di […]

PSA Genova Prà, entrate in funzione 2 nuove gru dal valore di 7 milioni

Sono entrate in servizio, stamani, presso il Terminal container PSA Genova Prà due nuove gru di ferrovia, mezzi ultra moderni […]


Leggi articolo precedente:
APM Terminals, Vado Ligure: Formazione per “gruista portuale”, previste 14 assunzioni

Il corso fa parte del programma di iniziative della "Blue economy" promosso dalla Regione Liguria ed è rivolto a disoccupati....

Chiudi