Linee guida concessioni, Assiterminal pronta ad impugnare il provvedimento

Assiterminal linee guida per il rilascio delle concessioni demaniali: documento "totalmente sbagliato e pericoloso per la portualità italiana". - L'associazione stignatizza "l’assordante silenzio di Assoporti e dei presidenti delle ADSP"
PSA Genova

ROMA – Assiterminal esprime una viva preoccupazione al riguardo del documento contenente le “linee guida” per il rilascio delle concessioni demaniali portuali. Di seguito i 3 punti che costruiscono un impianto che Italiana Terminalisti Portuali, espressione associativa dell’industria della portualità nazionale, fa sapere di ritenere il documento: “totalmente sbagliato e pericoloso per la portualità italiana“.

Questo provvedimento è un pasticcio istituzionale, giuridico, in parte in contrasto con il Trattato di Funzionamento della Unione Europea (TFUE), in particolare in materia di concorrenza- scrive Assiterminal.
Il risultato che produce è quello di confondere e alterare un assetto istituzionale, attribuendo funzioni esorbitanti ed ultronee ad una Autorità Regolatrice, ART, snaturando così la funzione della Istituzione concedente, il MIT per il tramite delle ADSP. Non solo non si procede in alcun modo sulla tanto sbandierata strada delle semplificazioni, ma si complicano procedure e livelli di interlocuzione in modo compromissorio rispetto al futuro equilibrio del sistema;

È la palese dimostrazione della assoluta mancanza di cultura industriale di chi lo ha prodotto e concepito. Ai Piani di impresa dell’attuale sistema concessorio, pare si  sostituiscano, enfatizzandolo, il ruolo della sola componente finanziaria, oltre tutto attribuendo una premialità ai progetti industriali con basso tasso di rischio di capitale (WACC) contraddicendo così uno dei principi fondanti l’identità dell’impresa: la componente di rischio. È chiaro che nessuno voglia spingere alla avventatezza dei progetti industriali sottesi al rilascio delle concessioni. Ma attribuire una così fondamentale funzione al solo progetto finanziario (peraltro prodotto da uno schema affidato ad ART) snatura la nostra identità industriale e ci fa ripiombare nella dimensione di servizio che abbiamo sempre combattuto, anche internamente alla nostra associazione. Non a caso l’approccio è lo stesso delle concessioni autostradali, ferroviarie e aereoportuali, con richiami, peraltro molto poco comprensibili sul piano giuridico, alle procedure di appalto.

LEGGI TUTTO
"Buon Vento", il porto di Ancona racconta la sua storia e il futuro

È sorprendente l’assordante silenzio di Assoporti e dei presidenti delle ADSP, di fatto espropriati di prerogative essenziali. ART si accinge a diventare un mostro di dimensioni abnormi per poter svolgere una funzione non propria, alla faccia della semplificazione e dei costi in capo allo Stato.

Dobbiamo quindi esprimere il nostro giudizio netto, non per rompere con alcuno, ma per richiamare tutti gli attori del sistema ad una revisione dei principi cardine che tutelano e sviluppano la portualità italiana. L’obiettivo è quello di riaprire il confronto.
Se ciò non avverrà,  come invece speriamo e operemo affinché avvenga, ci riserviamo di procedere alla
impugnazione del provvedimento (per la propria incongruenza rispetto al principio della gerarchia delle fonti e per i palesi contrasti con il TFUE)

Ci riserviamo inoltre una valutazione relativa ai rapporti tra concessionari e Art, il cui ruolo risulta stravolto ed esorbitante rispetto alla funzione regolatoria assegnatale dalla legislazione italiana ed europea.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC