lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > La denuncia/ Santi (Federagenti): “Opere, l’Italia funziona solo con le norme speciali”

La denuncia/ Santi (Federagenti): "Opere, l'Italia funziona solo con le norme speciali"

Santi (Federagenti): Opere portuali e logistiche "e non solo per il caso della Diga di Genova" "un sistema che non funziona e che non ha altra possibilità di funzionare se non attraverso l’adozione di norme speciali, come accaduto nel caso del Ponte Morandi”.

ROMA - Nel nostro Paese, ed è una constatazione drammatica, le grandi opere e grandi scelte strategiche vengono realizzate solo sull’onda emotiva di tragedie. È stato il caso del Ponte Morandi, sta avvenendo in materia di piano energetico del Paese a seguito della guerra in Ucraina, accadrà certamente anche per il controllo dei ghiacciai e della crisi idrica del Paese.

E' la denuncia del presidente di Federagenti - Federazione nazionale degli agenti marittimi, Alessandro Santi, sottolineando come anche le strutture ministeriali siano prigioniere delle scelte sbagliate compiute negli ultimi decenni e specialmente della decisione di depauperare e smagrire, al punto da renderli inefficienti, gli uffici tecnici dei ministeri che dovrebbe sveltire le procedure di approvazione, verifica e realizzazione delle grandi opere.

Da più parti – sostiene Santi – viene sottolineato il rischio di congelamento e mancato avvio delle grandi opere infrastrutturali, siano esse inserite nel PNRR o indipendenti da questo piano. “Il settore portuale e delle opere connesse con il funzionamento dei porti e della catena logistica – prosegue il presidente di Federagenti – sta diventando, e non solo per il caso della Diga di Genova, la cartina al tornasole di un sistema che non funziona e che non ha altra possibilità di funzionare se non attraverso l’adozione di norme speciali, come accaduto nel caso del Ponte Morandi”.

“Tutti gli operatori marittimi – conclude Santi – ma anche il mondo della produzione industriale che con la pandemia, quindi con la crisi della catena logistica mondiale e infine con la guerra in Ucraina, ha scoperto la centralità strategica dei porti, non possono più nascondere la testa sotto la sabbia e affermare che tutto va bene entusiasmandosi per le grandi prospettive schiuse dal PNRR. Purtroppo lo scenario sul quale il caso della Diga di Genova, ma anche altre opere portuali, per primo il cronico blocco dei dragaggi, hanno acceso i riflettori, rendono obbligatoria una seria riflessione complessiva. La seconda manifattura e il terzo paese per PIL d’Europa non può perdere in competitività strategica e magari far diventare le aziende nazionali facile obiettivo di acquisizione da parte di capitali esteri. A meno di non consegnare il nostro Paese al modello, che sembra piacere a qualcuno, del ‘resort Italia’ di cui La Serenissima sta diventando funesto archetipo.”

A peggiorare la situazione contribuisce – secondo Santi – in modo determinante l’atteggiamento oltranzista assunto dall’Europa in tema di sostenibilità. “Ci troviamo difronte – conclude il presidente di Federagenti – a una sostenibilità impossibile, che rischia di penalizzare solo l’Europa che contribuisce per l’8% all’inquinamento mondiale e alle emissioni nocive. Bisogna cambiare rotta, pretendendo che l’Italia si doti di una visione strategica di paese di medio lungo termine”.

Post correlati

Memorandum d’intesa BCube – Mercitalia su logistica integrata 4.0

ROMA – Nuova partnership tra BCube e Mercitalia Logistics per la progettazione di un nuovo concept di Engineering & Logistics […]

Evoluzione della logistica portuale: catena del valore, competenze, persone – Convegno a Genova

Come cambiano le competenze e i modelli di business che interessano il mondo della logistica portuale? Di questo si interroga […]

Spedimar, l’affermarsi della professione di spedizioniere a Livorno e nascita giuridica

LIVORNO – Spedimar, associazione fra le imprese di Spedizioni internazionali e di logistica, ha festeggiato il 70esimo compleanno con un […]


Leggi articolo precedente:
Silver Dawn
La compagnia crocieristica Silversea approda a Portoferraio – Primo scalo per Silver Dawn

Primo approdo per la lussuosa nave da crociera della Silversea Portoferraio, ecco la Silver Dawn PORTOFERRAIO (LIVORNO) - Primo approdo...

Chiudi