Ports > ITS Fondazione Caboto consegna 28 diplomi e concrete opportunità di lavoro

ITS Fondazione Caboto consegna 28 diplomi e concrete opportunità di lavoro

L'Università degli studi di Roma “Tor Vergata” diventa socio dell’ITS di Gaeta.
 
GAETA-  Durante la cerimonia di consegna dei diplomi per i 28 giovani allievi dell’I.T.S. “Fondazione G. Caboto” e della lettera di impegno all'assunzione da parte delle società armatoriali italiane che hanno aderito al progetto dell’Ente, è stato ufficializzato l'ingresso dell'Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” in qualità di Socio e di nuove compagnie di navigazione.
Il modello degli I.T.S. si conferma una risposta concreta al bisogno di formazione specializzata in Italia che genera lavoro, nonché strumento innovativo e necessario rispetto ai percorsi tradizionali.
L’ITS Fondazione Caboto ha avuto il merito di formare in questi anni circa 140 allievi e di raggiungere quasi il 100% di occupazione degli stessi, superando il già elevato tasso (81,1%) raggiunto dall’intero sistema degli Istituti Tecnici Superiori. Anche l’ultimo Bando 2017 ha permesso l’ingresso di altri 44 allievi che si aggiungono a quelli attualmente in corso, mantenendo così sempre alto il numero degli allievi in formazione.
 
Questi risultati hanno consentito di veder crescere nel corso degli anni il numero delle compagnie armatoriali e delle società operanti nello shipping, e di ottenere l'interesse da parte dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, entrata a far parte dei soci della Fondazione.
In particolare, l’ingresso dell’Università consente di dare nuovo slancio e arricchire l’offerta formativa definendo percorsi consolidati, e rappresenta un’opportunità di riconoscimento del percorso degli I.T.S. per un eventuale conseguimento del titolo di laurea, così da rispondere ai continui cambiamenti del mondo dello shipping.
 
“L’I.T.S. Caboto in questi sette anni si è dimostrato una straordinaria opportunità per i giovani professionisti del comparto marittimo italiano”, ha dichiarato il presidente Cesare d’Amico. “I 140 giovani allievi a cui abbiamo dato l'opportunità di un imbarco e che hanno già conseguito il titolo rappresentano un patrimonio per il futuro del nostro settore, nonché una speranza per il nostro Paese. Mobilitare tutte le migliori energie per mettere a sistema le eccellenze del sistema formativo e imprenditoriale consente di arrivare a questi prestigiosi traguardi. È un orgoglio vedere ragazzi così motivati, preparati e capaci di rappresentare un valore aggiunto rispetto al ruolo che ricopriranno nel mondo del lavoro".
 
Ad ulteriore testimonianza dell’eccellenza rappresentata dall’ITS Caboto, a seguito della prima attribuzione su base meritocratica dei fondi regionali, per il biennio 2017-2019 l’Istituto ha ricevuto il contributo più elevato tra i sette ITS del Lazio.
 
Il percorso di crescita dell’I.T.S. Caboto ha visto aumentare nel corso degli anni il numero di compagnie armatoriali partner: nata nel 2010 con la sola d’Amico Società di Navigazione come socio fondatore, oggi conta sul sostegno di numerose società: d’Amico, F.lli d’Amico, Carboflotta, Finaval, Italia Marittima, RBD Armatori, Amoretti Armatori Group, Eni lng shipping, Calisa SpA, Premuda, a cui si sono aggiunte recentemente Moby Lines, Bottiglieri SpA e Prysmian Cable & System.
 
Il numero di ufficiali disponibili all’impiego a bordo della flotta mercantile mondiale è però insufficiente a soddisfare la domanda di professionisti del mare: gli I.T.S. rappresentano la risposta a questo gap, in quanto esprimono la stretta collaborazione tra mondo del lavoro, tessuto industriale e formazione che ogni anno diventa sempre più forte. Nel corso dei due anni di formazione, infatti, gli allievi dell’I.T.S. Fondazione G. Caboto alternano a circa 1.200 ore di lezione tre periodi di imbarco, sempre retribuiti, e necessari al conseguimento del titolo di Ufficiale, per un totale di circa 4.000 ore.
 
La cerimonia di consegna dei diplomi che si è svolta oggi presso la sede dell’ITS Fondazione G. Caboto a Gaeta ha visto la partecipazione dell’on. Claudio Moscardelli, in rappresentanza del ministero dell’Università e della Ricerca, della dott.ssa Sonia La Rocca, in rappresentanza della Direzione Regionale Istruzione, Formazione e Diritto allo studio, dott. Angelo D’Amato, Presidente del Fondo Nazionale Marittimi e Presidente della Commissione Risorse Umane, Relazioni Industriali ed Education di Confitarma, del dott. Luca Sisto, Direttore Generale di Confitarma, di S. E. Mons. Luigi Vari, Arcivescovo di Gaeta, del Capitalo di Vascello Aniello Raiola, della Direzione Marittima di Civitavecchia, del Capitano di Fregata Andrea Vaiardi, Comandante del Porto di Gaeta, del dott. Cosmo Mitrano, Sindaco di Gaeta, e della Prof.ssa Maria Rosa Valente, Dirigente Scolastico dell’Istituto Nautico Caboto, Scuola di riferimento dell’ITS, oltre ai vari rappresentanti delle diverse compagnie partner della Fondazione.
 
 
 
 
 
 
FONDAZIONE G. CABOTO
La Fondazione “Istituto Tecnico Superiore per la Mobilità Sostenibile – G. Caboto” è un ente di diritto privato ad evidenza pubblica, costituito da Enti pubblici e privati per rispondere agli obiettivi del DPCM 25/01/2008.
La Fondazione opera nell’ambito regionale e nazionale, attraverso la promozione e la diffusione della cultura tecnica e scientifica, sostenendo misure per lo sviluppo dell’economia e le politiche attive del lavoro.
Agisce nell’area tecnologica della Mobilità Sostenibile delle persone e delle merci e nella Produzione di mezzi di trasporto e/o relative infrastrutture, con particolare riferimento al trasporto marittimo ed agli ambiti definiti nella Piattaforma Tecnologica Marittima Nazionale.

Post correlati

Genova sciopero tir in porto: Il prefetto convoca le parti

GENOVA– Stamani per le ore 11,00 il prefetto di Genova, Fiamma Spena, ha convocato con carattere di urgenza, il tavolo di […]

Genova sciopero Tir: Gallo CGIL, “Al Tavolo troppi soggetti, hanno fatto il lavoro senza di noi”

di Lucia Nappi GENOVA – Le agitazioni e il blocco degli autisti dell’autotrasporto nel porto di Genova è iniziato ieri […]

Livorno, sei condanne per la morte di un operaio in porto otto anni fa

Concluso il processo di primo grado per la morte in porto a Livorno, dell’operaio della cooperativa Ma. Ris. di La […]


Leggi articolo precedente:
Formazione e ruolo dei sistemi portuali/Convegno a Livorno

L’iniziativa targata Port Authority: 1 marzo, in Fortezza Vecchia, a partire dalle 9.30 Un Convegno dedicato alla formazione e al ruolo...

Chiudi