Ports > Genova: La Capitaneria sequestra 15 tnl di merce pericolosa in porto

Genova: La Capitaneria sequestra 15 tnl di merce pericolosa in porto

GENOVA - Oltre 15 tonnellate di merce pericolosa sono state rinvenute e sequestrate ieri sera dalla Guardia Costiera di Genova in porto all’interno di un semirimorchio, destinato all’imbarco su una nave traghetto diretta a Palermo. L'autista, un uomo di nazionalità polacca, voleva far passare il carico come normale merce da trasporto. 

Erano le 19.30, quando nei pressi della rotonda Chiappella, i militari in servizio in porto, nel controllare uno dei tanti semirimorchi diretti ai gate d’imbarco, hanno individuato un ingente quantitativo di merce pericolosa artificiosamente occultata dal trasportatore in modo da poter sfuggire ai controlli. Dall’ispezione effettuata, in particolare, è emerso che parte del carico era altamente infiammabile e non poteva essere imbarcato in alcun modo su navi traghetto ma solo su navi da carico certificate idonee al trasporto di merci di questa tipologia. A questo si aggiunge che le oltre 15 tonnellate appartenevano a differenti tipologie di merci pericolose, per di più tra loro incompatibili per caratteristiche fisiche e chimiche, questo costituiva un serio rischio sia per la circolazione stradale, per la sicurezza della navigazione e per i passeggeri che avrebbero viaggiato sul traghetto sul quale il camion doveva imbarcarsi.

Da qui, quindi, il diniego da parte della Guardia Costiera all’imbarco del mezzo sulla nave e la contestazione al vettore di infrazioni per oltre 4000 euro con la sospensione della patente e della carta di circolazione fino a 6 mesi.

La sicurezza del trasporto marittimo” – dice l’ammiraglio Giovanni Pettorino, Comandante del porto di Genova – “rappresenta una priorità assoluta, un obiettivo che si raggiunge anche attraverso operazioni e attività come quelle quotidianamente svolte dai militari della Guardia Costiera, nei porti e sulle navi, ove il controllo è direttamente funzionale, come in questo caso, alla sicurezza stessa della nave e dei passeggeri”.

Post correlati

Civitavecchia, polemiche e veleni per la vicenda Angie – Port Utilities

di Lucia Nappi CIVITAVECCHIA – La vicenda Angie – Port Utilities fa riferimento alla revoca e decadenza delle concessioni dei […]

Civitavecchia, di Majo: Vicenda Engie–Port Utilities «Nessuna pressione»

Vicenda Engie–Port Utilities, una nota del presidente dell’Authority laziale, Francesco Maria di Majo chiarisce le motivazioni per le quali sono […]

Trieste sposta il Punto Franco a Bagnoli della Rosandra, nuova polo logistico e industriale

TRIESTE – Si rafforza l’area retroportuale di Trieste presso Bagnoli della Rosandra. Questa nuova area logistica, di proprietà dell’Interporto triestino, […]


Leggi articolo precedente:
Lavori in corso a Livorno, il microtunnel pronto a inizio 2018

Microtunnel pronto per l’inizio del nuovo anno - Domani terminano i lavori di realizzazione dei diaframmi dei pozzi - Intanto sono stati...

Chiudi