lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Genova, assetto Riparazioni navali – Pubblicato bando per il supporto di urbanistica e ingegneria

Genova, assetto Riparazioni navali - Pubblicato bando per il supporto di urbanistica e ingegneria

GENOVA - Nell'ambito del nuovo Piano Regolatore Portuale, finalizzato allo sviluppo futuro del porto di Genova, della città e della regione l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale ha annunciato, stamani, la pubblicazione del bando per l’acquisizione di un supporto di urbanistica e ingegneria. "Considerata l’importanza strategica vitale del nuovo Piano Regolatore" - ha spiegato l'AdSP in una nota - "sono previsti momenti di confronto tra le istituzioni, il mondo dell’impresa e del lavoro e la società civile. In questa fase, è importante partire da alcuni punti fermi che aiutino a orientare il confronto al fine sia di non generare incertezze sia di cogliere tutte le opportunità di sviluppo del porto e della città.

Con particolare riferimento al comparto industriale delle riparazioni e costruzioni navali, ci troviamo di fronte a un settore in forte crescita nazionale e internazionale, ad alta intensità di lavoro e particolarmente competitivo data la presenza nel nostro porto di tutte le attività che integrano la filiera industriale delle riparazioni e costruzioni.

Proprio al fine di contribuire allo sviluppo di tale realtà, nell’area di Levante sono stati assegnati agli operatori capannoni riqualificati, potenziati i parcheggi, attivato il cosiddetto cold ironing per l’alimentazione delle navi all’interno dei bacini di carenaggio, avviati i lavori di riqualificazione infrastrutturale e tecnologica di tutti i varchi di accesso al comparto. A ciò si aggiunge la recente decisione di investire 30 milioni di euro per ammodernare le strutture e gli impianti dei bacini 4 e 5, la realizzazione di una nuova piattaforma tra questi, l’allungamento del molo dell’ex superbacino, la riprofilazione della banchina per rendere funzionale Molo Giano interno".

Conclude l'AdSP: "Nella prospettiva del nuovo Piano Regolatore Portuale, Autorità di Sistema Portuale da un lato conferma il mantenimento e rafforzamento delle riparazioni navali nell’area di Levante, dall’altro prevede di analizzare ulteriori opportunità di sviluppo nell’area sia di Levante – ad esempio sfruttando i maggiori specchi acquei disponibili con la realizzazione della Diga foranea di Genova – sia di Sestri Ponente con la previsione di ulteriori impianti di riparazione navale accanto al superbacino e alle aree a terra in costruzione grazie agli interventi del Programma Straordinario".

Post correlati

La Livorno Cold Chain torna al Fruit Logistica di Berlino per lanciare i nuovi progetti

BERLINO – La Livorno Cold Chain, la filiera logistica del freddo del porto di Livorno specializzata nei prodotti agroalimentari, sarà […]

Porti Stretto, al via il bando per l’elettrificazione delle banchine

I porti di Messina, Reggio Calabria e Milazzo entrano nel vivo della transizione ambientale – Avviato il bando per il […]

“Piombino e Portoferraio: Traffico passeggeri, ruolo e prospettive ”

“Piombino e Portoferraio: ruolo e prospettiva nell’accoglienza e movimentazione del traffico passeggeri”,  è il titolo dello studio realizzato dalla società […]