Feder Lavoro chiede per il porto di Spezia, sviluppo e continuità

Lavoratori porto

LA SPEZIASviluppo nella continuità per il porto di Spezia, è la prima delle istanze che Feder lavoro di Confcooperative a nome delle Imprese Fornitrici di Servizi Portuali di La Spezia, rivolge alle Istituzioni e alla compagine politica e sociale, al fine di tracciare una strategia che permetta di uscire dalla crisi. Lo  si legge in una nota a firma del presidente di Feder Lavoro di Confcoperative, Leonardo Romeo: “occorre far leva sulle eccellenze imprenditoriali esistenti, tra le quali ha una preminente e riconosciuta funzione il Porto della Spezia, che è da sempre ai vertici dell’efficienza tra gli scali mediterranei”.

Rivolgendosi alle parti politiche la Confederazione delle cooperative chiede: “l’assunzione di scelte coraggiose, capaci di trasformare le attuali difficoltà in altrettante opportunità, per lo sviluppo della capacità operativa del porto commerciale e crocieristico, il potenziamento dell’impianto ferroviario marittimo, il raddoppio della Pontremolese, avendo comunque sempre e particolare attenzione alla green economy, anche in ambito portuale”

Mentre  le richieste alle Istituzioni riguardano: “l’attuazione delle opere previste dal Piano Regolatore Portuale: il completamento del secondo bacino, la realizzazione del terzo e della nuova Stazione crocieristica“.

“Continua ad essere di importanza capitale il ruolo che dovrà esercitare l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale nei confronti del cui operato ci sia consentito di esprimere il nostro apprezzamento. Abbiamo accolto con soddisfazione, proprio in virtù di queste esigenze, la nomina a Commissario, da parte del Ministro, dell’Ingegnere Francesco Di Sarcina, augurandoci che questa scelta rientri nell’ottica di una continuità per realizzare compiutamente tutti i progetti del Piano Regolatore Portuale.

LEGGI TUTTO
Project cargo/Livorno, Lorenzini Terminal imbarca due maxi tank costruite da Gas and Heat

Come Imprese Fornitrici di Servizi Portuali siamo pronti a fare la nostra parte, aumentando gli investimenti in formazione, pronti a cogliere qualsiasi opportunità per creare nuova e buona occupazione a supporto delle necessità dei Terminalisti, La Spezia Container Terminal del Gruppo Contship-Eurogate e Terminal del Golfo del Gruppo Tarros, che hanno confermato la messa a disposizione di ingenti risorse economiche private, a fianco di quelle pubbliche, per la realizzazione di tutte le infrastrutture previste dal Piano Regolatore Portuale”.

Si conclude nella nota: “Se ogni componente della Comunità portuale, tra i quali è doveroso citare anche i Lavoratori Portuali e i Sindacati per il loro contributo determinante ai successi del Porto della Spezia, agirà in modo coeso, siamo certi che l’uscita dalla crisi che ci investe sarà una realtà per il nostro Territorio e costituirà un importante fattore di crescita per l’economia nazionale”.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC