lorenziniterminal
grimaldi
Ports > “E se rovesciamo Venezia?” Mancati dragaggi e immobilismo, la denuncia degli operatori

"E se rovesciamo Venezia?" Mancati dragaggi e immobilismo, la denuncia degli operatori

L'insabbiamento dei fondali del porto di Venezia, i mancati dragaggi dei fondali e la conseguente riduzione del pescaggio mettono a rischio Venezia e il suo territorio come hub logistico dell’industria del Nord-Est. Domani il convegno: "E se rovesciamo Venezia?" La denuncia di Fedespedi e il programma dell'iniziativa -

VENEZIA - Massima adesione annunciata da parte degli operatori nazionali al convegno "E se rovesciamo Venezia?" organizzato dall’Associazione Agenti Raccomandatari e Mediatori Marittimi del Veneto, in programma giovedì 13 febbraio dalle ore 10.00 presso il Venezia Terminal Passeggeri (Stazione Marittima di Venezia). Il convegno sarà preceduto da una manifestazione pubblica sui canali alla quale parteciperanno le Istituzioni, le associazioni imprenditoriali e i sindacati.

L’insabbiamento dei fondali del porto di Venezia, i mancati escavi dei canali e la conseguente riduzione del pescaggio saranno al centro dell'incontro. Spedizionieri, agenti marittimi, terminalisti, armatori e industriali si faranno portavoce della difficile situazione venutasi a creare nell'area lagunare. La sempre più difficoltosa accessibilità al porto  per navi che, per effetto del mercato, sono di dimensioni sempre più grandi, rischiano di porre Venezia e il suo indotto ai margini, facendone perdere la propria centralità come hub logistico per il sistema imprenditoriale e produttivo del Nord Est

Saranno presenti i rappresentanti delle associazioni di categoria: Silvia Moretto, presidente di Fedespedi, Andrea Scarpa vicepresidente di Fedespedi con delega allo Shipping e presidente di Assosped Venezia, Paolo Salvaro presidente di Confetra Nord-Est, Luca Becce presidente di Assiterminal, Alessandro Santi presidente dell’Associazione Agenti Raccomandatari e Mediatori Marittimi del Veneto,  e Gian Enzo Duci presidente di Federagenti.

In una nota la presidente di Fedespedi Moretto ha dichiarato: “Da circa un anno cattiva burocrazia e processi decisionali lunghi e farraginosi stanno bloccando il dragaggio dei canali del porto di Venezia: un’attività di manutenzione “ordinaria”, che l’Autorità di Sistema Portuale si trova nell’impossibilità di svolgere, nonostante assicurare l’accessibilità nautica sia uno dei suoi principali compiti. Come sappiamo bene noi operatori, questo immobilismo, questa incapacità del pubblico di assumere decisioni semplici ma fondamentali per il futuro del porto e del suo indotto, non sono a costo zero: quest’anno Venezia – un porto che produce 21 miliardi di ricavi, impiega oltre 92.000 addetti e 1.260 aziende – ha perso un importante servizio diretto, operato da Ocean Alliance".

"Proprio la settimana scorsa, a Milano durante l’evento ‘Shipping Forwarding & Logistics meet Industry’, - ha concluso la presidente Moretto -  ho sottolineato come la competitività del nostro Paese, da un punto di vista produttivo e logistico, si giochi sulla connettività, sulla sua capacità di attivare e mantenere collegamenti e qualità dei servizi alla merce. Ebbene: questo è uno dei tanti casi di come in Italia le cose vadano esattamente nella direzione opposta. Per questo abbiamo deciso di aderire come Fedespedi – insieme a tutto il nostro sistema confederale, Confetra – all’evento ‘E se rovesciamo Venezia?’: per dare risonanza nazionale e sensibilizzare le istituzioni su un problema che non è solo di Venezia. Su un tema che sta a cuore a tutta la comunità logistica italiana.

PROGRAMMA DEL CONVEGNO
ore 10,30 - PERCHÉ:
Alessandro Santi Presidente Associazione Agenti Raccomandatari e Mediatori Marittimi del Veneto -  Gian Enzo Duci Presidente Federagenti
UN FUTURO PER LA CITTÀ-PORTO. IL PORTO È VITA, VENEZIA È VIVA”: Luca Telese ne discute con  Luigi Brugnaro Sindaco di Venezia  Elisa De Berti Assessore ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti Regione Veneto  Pino Musolino Presidente AdSP del Mar Adriatico Settentrionale  Ammiraglio Piero Pellizzari Direttore Marittimo del Veneto  Vincenzo Marinese Presidente Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia e Rovigo  Giuseppe Fedalto Presidente Camera Commercio Venezia Rovigo  Massimo Zanon Presidente Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia  Gianni Satini Vice Presidente Conftrasporto  Silvia Moretto Presidente Fedespedi  Paolo Salvaro Presidente Confetra Nord-Est  Beniamino Maltese Presidente Commissione Finanza Confitarma  Alberto Rossi Direttore Generale Assarmatori  Luca Becce Presidente Assiterminal  Renzo Varagnolo Rappresentanza sindacati

UNA DOMANDA ALLE IMPRESE DEL PORTO:  Sergio Senesi CEO Cemar  Umberto Masucci Presidente F2i Holding Portuale SPA  Roberto Goglio Direttore del Terminal VECON  Mauro Fanin CEO Cereal Docks Group

CONCLUSIONI e FIRMA MANIFESTO

Corriere marittimo sarà presente al convegno, seguiranno domani gli aggiornamenti sulla manifestazione.

Post correlati

Corsini si ricandida alla guida dei porti toscani: “Vedere realizzata la Piattaforma Europa”

A Livorno il presidente dell’Autorità di Sistema del Mar tirreno settentrionale, Stefano Corsini, sentito da Corriere marittimo, ha confermato la […]

Taranto, Authority portuale – Concorso per 19 assunzioni a tempo indeterminato

TARANTO – L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio (Taranto) ha indetto una SELEZIONE PUBBLICA PER L’ASSUNZIONE CON CONTRATTO A […]

Merlo (Federlogistica): Nel mirino dello spionaggio cinese, porti e traffici italiani

ROMA – Impadronirsi della gestione delle infrastrutture e della logistica mondiale, è questo il disegno della strategia geopolitica ed economica […]


Leggi articolo precedente:
piloti porto
“Ruoli e principi nel pilotaggio italiano”- Assemblea Nazionale Fedepiloti il 6 aprile a Roma

ROMA - "Ruoli e principi nel pilotaggio italiano” sarà il tema centrale della prossima Assemblea Nazionale della Federazione Italiana Piloti...

Chiudi