Ports > Corsini: “Pianificazione nazionale ed effettiva realizzazione delle Opere”

Corsini: "Pianificazione nazionale ed effettiva realizzazione delle Opere"

ROMA - Stefano Corsini, presidente del sistema portuale di Livorno e Piombino, nella giornata di Assoporti, interviene  sul rapporto tra la pianificazione nazionale e l’effettiva realizzazione delle Opere.
 
Delle Opere non poteva non parlare il presidente del porto che ha sulla rampa di lancio, il più grande progetto infrastrutturale presente, in questo momento, in Italia.
 A margine della Assemblea Programmatica, Corsini interviene su maturità progettuale, punto debole fino ad oggi in Italia, per il quale sarà necessaria la semplificazione delle procedure. La riforma se da un lato ha semplificato, dall'altro deve arrivare a definire strumenti che permettano una progettazione tesa all'accelerazione dei tempi:
 
"La pianificazione nazionale è attualmente frutto di una stagione straordinariain cui c’è stato un lavoro comune, una comunità d’intenti per arrivare a certi documenti di programmazione che dovevano guidare tutto il sistema.
Manca da completare: il piano generale della logistica e dei trasporti, manca da fare il DPP, ci sono gli strumenti, come ha detto il ministro Delrio, ma manca una maturità progettuale, è vero. E' dove siamo stati fermi per tanti anni.
 
La maturità progettuale si recupera anche attraverso la revisione della pianta organica e con la capacità di gestire la progettazione anche in modo esternalizzato. Ma ti devi strutturare con le competenze giuste. Le Autorità nel passato hanno guardato meno agli ingegneri e più ai gestori.
 
Dopo bisogna semplificare le procedure. Alcuni decreti che stanno per uscire che mi risulta richiederanno una progettazione che sarà molto complessa, le procedure approvative continuano ad essere molto complesse e poco tese all’accelerazione dei tempi e quindi bisogna intervenire.
Una delle cose importanti in questo momento è la velocità, il tempo non passa invano e mentre il tempo passa le cose cambiano. Ci sono gli strumenti.".

Post correlati

Effetti del raddoppio del Canale di Suez, traffici, indicatori di competitività nel nuovo studio SRM

Il Canale di Suez, raddoppiato nel 2015, continua a rappresentare uno snodo strategico per i traffici marittimi mondiali mercantili; il […]

Livorno, Rixi: I porti dell’arco tirrenico e ligure possono fare sistema e individuare politiche comuni

di Nicolò Cecioni «A più di due anni dall’entrata in vigore del decreto legislativo 4 agosto 2016, n.169, che ha […]

Livorno, Nogarin: Bacino di carenaggio, sfruttare per sperimentazioni a gas e idrogeno

di Nicolò Cecioni LIVORNO- «Dobbiamo sfruttare di più e molto meglio il nostro bacino di carenaggio, che è il secondo […]


Leggi articolo precedente:
Mit: Cari presidenti adesso basta parlare, dovete fare!

Parla il consulente del Mit, Ivano Russo, all'Assemblea di Federagenti a Roma: "Sono due anni e mezzo che variamo provvedimenti,...

Chiudi