Concluso l’abbattimento dell’ex Silos delle granaglie nel porto di Cagliari

Silos Cagliari

CAGLIARI – “Chiudiamo definitivamente un capitolo lungo 10 anni e restituiamo al Molo Rinascita uno spazio fondamentale per il completamento del già avviato progetto di riordino degli spazi portuali ed il potenziamento dei servizi al traffico crocieristico” – Sono le dichiarazioni del presidente dell’AdSP del Mare di Sardegna, Massimo Deiana, nell’annunciare l’ultimo e definitivo intervento di demolizione  dell’ex Silos granaglie di Riva di Ponente nel porto di Cagliari, avvenuto di ieri pomeriggio poco prima delle ore 18,00. Le ultime quattro detonazioni consecutive che hanno fatto brillare in sequenza le ultime quattro file di sili del fabbricato realizzato negli anni 70 dal Consorzio Agrario della Provincia di Cagliari e dichiarato inagibile dieci anni fa. L’operazione è stata condotta dalla ditta Deton Srl per conto del Consorzio Pangea

Cagliari Silos

–  “Un intervento di particolare difficoltà e delicatezza” – spiega Deiana – “per il quale ringrazio tutto lo staff tecnico e di security dell’AdSP, che ha seguito tutta la fase di progettazione, esecuzione, autorizzazione e sicurezza attorno alle aree di cantiere, ma anche e, soprattutto, ai tecnici delle imprese coinvolte che, nonostante le enormi difficoltà dettate dalle restrizioni sanitarie, hanno condotto e portato egregiamente a termine un intervento finora senza precedenti nel porto di Cagliari”.

VAI AL VIDEO – Le immagini della detonazione e crollo della torre servizi del 18 marzo

Il processo di abbattimento era iniziato il 18 marzo scorso e proseguito con altre due volate (del 25 e 27 marzo, intervallate da rapidi interventi di demolizione dei detriti e mitigazione ambientale, condotti, sempre per conto della società appaltatrice, dall’impresa Gruppo Fratelli Busia.

LEGGI TUTTO
Cagliari, streetball in banchina per gli equipaggi delle navi da crociera

VAI AL VIDEO – Le immagini  della detonazione e crollo della torre servizi del 18 marzo, 

Poco più di un milione di euro, il costo totale dell’intervento sostenuto dall’AdSP del Mare di Sardegna, che proseguirà, già da oggi  con i lavori per la rimozione dei detriti e la riqualificazione dell’area portuale ne seguirà il ripristino degli asfalti e la realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione. Un’operazione con cui l’Authority rende disponibile per l’operatività portuale un’area complessiva di due ettari.

 

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC