Decreto Sostegni bis, novità: Autotrasporto no al contributo ART, Bus Turistici fondo da 20 mln

Autotrasporto Tir

Tra le misure proposte negli emendamenti anche importanti novità per il settore dell’autotrasporto e dei bus turistici.

ROMA – Nella bozza del decreto legge “Sostegni bis” approvato nella notte dalle commissioni Bilancio e Finanze del Senato, diverse le novità in entrata. Il testo dovrebbe approdare all’esame dell’assemblea di Palazzo Madama tra domani e giovedì, provvedimento che dovrebbe essere varato in settimana dal consiglio dei Ministri.

Tra le misure proposte negli emendamenti anche importanti novità per il settore dell’autotrasporto e dei bus turistici.

Autotrasportasporto: Per il 2021 non si applica per l’anno 2021 l’obbligo di contribuzione nei confronti dell’Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART)- ”In considerazione dei gravi effetti derivanti dall’emergenza epidemiologica, al fine di sostenere il settore del trasporto, alle imprese di autotrasporto merci in conto terzi, iscritte all’albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l’autotrasporto di cose per conto terzi, non si applica per l’anno 2021 l’obbligo di contribuzione nei confronti dell’Autorità di Regolazione dei Trasporti”.

Bus Turistici
Emendamento Margiotta per Bus Turistici, 20 milioni di euro per il settore in crisi:  “Oggi sono stati approvati diversi importanti emendamenti” – dichiara il senatore Salvatore Margiotta, capogruppo PD nella Commissione Lavori pubblici e comunicazioni – “tra cui il mio, riformulato e divenuto patrimonio della maggioranza, che vanno nella direzione di sostenere uno tra i settori più colpiti dalla crisi dovuta al Covid, quello dei bus turistici. Un impegno che avevo assunto da Sottosegretario al Mit e relativamente al quale già il Governo precedente aveva dato risposte importanti. Certo è che oggi, con ulteriori fondi stanziati a fondo perduto per 20 milioni di euro, siamo riusciti a segnare una svolta importante. Nella consapevolezza che ciò non potrà risolvere completamente i problemi di un settore in sofferenza, la cui necessità primaria è la ripresa del turismo, il PD è comunque orgoglioso di avere contribuito almeno ad attutire le negatività”.

LEGGI TUTTO
Trieste, Adriafer si prepara ad operare come impresa ferroviaria

TDT

Let Expo 2024

Assoporti 50anni

Confindustria Livorno

 

Confitarma auguri

MSC Spadoni

AdSP Livorno

Toremar

Laghezza

MSC