Ports > Livorno, Cilp: Per l’automotive si deve puntare sull’export

Livorno, Cilp: Per l’automotive si deve puntare sull’export

Parla l'AD di Cilp, Aldo Padova: "Necessario ripristinare i binari sulla Sponda Est della Darsena Toscana".
 
LIVORNO - “A Livorno la vera sfida da vincere è quella di dotare il porto dei necessari collegamenti ferroviari sulla sponda est della Darsena Toscana. L’obiettivo? Sviluppare il traffico delle auto nuove anche in export”. Lo ha detto l’amministratore delegato della CILP (Compagnia Impresa Lavoratori Portuali) Aldo Padova, durante la registrazione della nuova puntata di Porto Aperto, il format televisivo ideato dall’Autorità di Sistema Portuale in collaborazione con l’emittente televisiva Telegranducato.
 
Alla trasmissione hanno preso parte anche il general manager di Cilp, Simone D’Angelo, che si è confrontato con una sessantina di studenti provenienti dall’ITI e dall’Istituto Nautico, e il dirigente promozione e studi dell’Authority, Gabriele Gargiulo, che assieme a Padova è stato ospite di un talk show dedicato al tema dell’automotive.
Nel corso della puntata, l’amministratore delegato della Cilp si è soffermato molto sui punti di forza e sulle criticità dello scalo labronico. “Come Cilp – ha detto – abbiamo chiuso il 2017 con oltre 310 mila vetture, contribuendo a fare di Livorno un hub di riferimento per i flussi in import di auto nuove”.
 
Ma è sull’export, dove notoriamente lo scalo labronico è più debole, che possono essere espresse nuove potenzialità: “Potremmo raggiungere risultati importanti anche nell’esportazione se riuscissimo a ripristinare i binari di collegamento tra il Terminal Livorno Est (area Paduletta/FS) e la Tirrenica”, ha aggiunto Padova rispondendo a una domanda del conduttore sulle ragioni che hanno consentito al Porto di Koper di sbaragliare la concorrenza dei porti italiani e di aggiudicarsi la nuova gara indetta da Daimler per l’esportazione di auto di lusso verso l’Asia. “Le case automobilistiche tedesche – ha spiegato – sono abituate a inviare le proprie auto sui carri ferroviari e il non avere questo raccordo ci ha chiaramente penalizzati. Assieme all’Autorità di Sistema bisognerà coinvolgere RFI e il Ministero delle Infrastrutture per realizzare l’infrastruttura quanto prima”.
 
Livorno, che in questi anni ha fatto tanto per rafforzare il ferroviario, realizzando per esempio il collegamento diretto tra il porto e la linea Tirrenica, su questo fronte può insomma giocarsi altre importanti partite. L’Autorità di Sistema è già a lavoro da tempo: il presidente Corsini si sta occupando del nuovo Piano del Ferro di Sistema e l’intervento di ripristino dei collegamenti ferroviari sulla sponda est è parte integrante di un percorso che avrà come traguardo l’inoltro via ferrovia di volumi di traffico sempre maggiori.

 

Post correlati

Commissione UE: Illegali gli aiuti di Stato concessi al porto di Napoli – 44 mln di euro

NAPOLI – La Commissione europea è giunta a conclusione: sono illegali i 44 milioni di euro accordati dallo Stato italiano all’Autorità […]

Genova cerca le soluzioni viarie per garantire maggiore operatività al porto

GENOVA – E’ stato dato il via alla demolizione del muro spartiacque tra l’area nazionale e quella internazionale nel bacino […]

La Spezia e il Gruppo Contship puntano la prua verso gli USA

Missione congiunta negli USA per l’Autorità di Sistema del Mar Ligure Orientale e il Gruppo Contship Italia,  NEW YORK – […]


Leggi articolo precedente:
ALIS per cultura e giovani, partner di “La Divina Commedia Opera Musical”

Una sfida culturale e generazionale che punta sui ragazzi delle scuole italiane.   Un paese che non investe sui giovani...

Chiudi