lorenziniterminal
grimaldi
Ports > CCIAA, Livorno e Grosseto la Blue Economy vale 1,5 miliardi – Rapporto Centro Studi

CCIAA, Livorno e Grosseto la Blue Economy vale 1,5 miliardi - Rapporto Centro Studi

Rapporto annuale sulla Blue economy presentato dalla CCIAA Maremma e Tirreno - L'Economia del mare come motore del territorio delle province tra Livorno e Grosseto. Il 46,7% delle imprese blu in Toscana si trova nel territorio livornese e maremmano.

LIVORNO - Blue economy motore dell'economia dei territori tra Livorno e Grosseto. La CCIAA della Maremma e Tiirreno ha presentato il Rapporto annuale sulla Blue economy- realizzato dal Centro Studi e Servizi dell'ente camerale.
La presentazione del Rapporto, svolta in teleconferenza, ha visto la presenza del presidente dell'ente camerale, Riccardo Breda: "l’emergenza Covid19 – ha sottolineato Breda – ha stravolto l’intero sistema socio-economico mondiale e avrà un impatto forte anche sull’economia del mare. Tuttavia, i dati che emergono dalla notevole documentazione statistica elaborata ci restituiscono la fotografia di un “come eravamo”, uno scenario da cui ripartire e a cui attingere per considerazioni su uno dei settori di punta della nostra economia".

L'analisi va a scattare una fotografia, per l'anno 2018, delle imprese dell'ambito della blue economy per le province di Grosseto e Livorno. In tutto 6.439 imprese analizzate per un totale di 27.958 persone occupate, un bacino economico capace di generare ogni anno quasi 1 miliardo e 500 mila euro di valore aggiunto e che, usando un moltiplicatore messo a punto dal sistema camerale per calcolare l’ulteriore impatto generato da queste imprese, produce un ulteriore valore aggiunto che supera i 2 miliardi e 600mila euro. Ad entrare nel dettaglio dei dati contenuti dal Rapporto, a cura del Team del Centro Studi e Servizi, con il dirigente Mauro Schiano e Raffaella Antonini che annualmente presentano il Rapporto.

Il Rapporto:
Ben il 46,7% delle imprese blu in Toscana è insediato nel territorio livornese e maremmano: il 29,7% in provincia di Livorno ed il 17% in provincia di Grosseto. Questi dati fanno di Livorno la provincia toscana con il più alto numero di imprese legate all’economia del mare, seguita da Lucca e con Grosseto che conquista, sempre a livello regionale, il terzo posto.

La blue economy delle due province, come messo in evidenza il Rapporto, ruota attorno a diversi comparti economici: dai servizi di alloggio e ristorazione, alle attività sportive e ricreative, alla cantieristica, dalla movimentazione merci e passeggeri alla filiera ittica.
Tutti settori che la pandemia ha messo in ginocchioha sottolineato Breda - Nessuno immaginava una calamità come questa. Il 2020 ne sarà particolarmente segnato ed è difficile intervenire se non con aiuti concreti a livello nazionale. Bisogna puntare al 2021: programmiamo fin da ora la stagione turistica 2021”.
ha aggiunto il presidente camerale -  “Tra gli altri interventi, la Camera di commercio sta consultando le piccole imprese con un’indagine che punta a indirizzare meglio la nostra azione e a far emergere di che cosa hanno bisogno le piccole e piccolissime attività economiche, e tra queste è stata riservata un’attenzione specifica a quelle blu”.

Gli scenari che si aprono a partire dalla fase 2 dell’emergenza, le risorse di idee, umane ed economiche da mettere a disposizione, la progettualità della cosiddetta “ripartenza” saranno oggetto di una conversazione tra il presidente Riccardo Breda e il direttore di Toscana Promozione Francesco Palumbo, in una diretta facebook che avrà luogo martedì 3 giugno alle ore 19,00.

Post correlati

Autoproduzione, Assarmatori su emendamenti DL Rilancio, “sarebbe tornare indietro”

Sul tema dell’autoproduzione dei servizi portuali interviene Assarmatori precisando che non esiste una contrapposizione tra marittimi e portuali ma la […]

UPI, Bellomo a Pettorino: Unitarietà della categoria, siamo pronti a discutere

“Il neo presidente, ripropone l’apertura del “dialogo per ricucire la spaccatura che c’è stata tanti anni fa”. Tuttavia, il tenore […]

Piombino, hub per le riparazioni navali – “Un Bacino per Piombino” Tavola Rotonda

Il porto di Piombino Hub delle riparazioni navali – La dislocazione stabile di servizi di riparazione navale nel porto di […]


Leggi articolo precedente:
Parlamento europeo
Brexit, Armatori Europei: Trasporto marittimo, mantenere i legami tra UE e Regno Unito

BRUXELLES - "Gli attuali stretti legami tra l'UE e il Regno Unito dovrebbero essere mantenuti, soprattutto per quanto riguarda il...

Chiudi