lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Cagliari, Porto Canale forse l’accordo per la Cassa integrazione – Cecilia Battistello: «Obiettivo non chiudere a fine mese»

Spadoni

Cagliari, Porto Canale forse l'accordo per la Cassa integrazione - Cecilia Battistello: «Obiettivo non chiudere a fine mese»

di Lucia Nappi

Porto Canale di Cagliari, continuano da stamani le trattattative nei tavoli regionali per la vertenza occupazionale. Forse raggiunto un accordo per la Cassa integrazione dei lavoratori del Terminal CICT, ma nessuna conferma ufficiale.
CAGLIARI – Per ora nessuna novità concreta riguardo alla vicenda del Porto Canale di Cagliari e dei  210 dipendenti del Terminal container CICT e che, alla data del 1 settembre, potrebbero esssere licenziati.

Non si è ancora concluso il confronto, iniziato stamani alle 11,30 presso l'Assessorato regionale del lavoro, tra CICT, Regione e sindacati per la vertenza occupazionale dei lavoratori del terminal CICTSembrerebbe tuttavia raggiunto un accordo per la Cassa integrazione, ma la notizia non ha trovato ancora nessuna conferma ufficiale. In tal senso è stato revocato il sit-in previsto questo pomeriggio a Roma davanti al MISE, al quale  lavoratori, sindacati e Regione avevano deciso di rivolgersi non solo ai ministri, ma anche al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in queste ore però impegnati con i colloqui per la formazione del nuovo governo.

Due giorni fa l'incontro avvenuto  tra i lavoratori e Cecilia Battistello Eckelmann, presidente di Contship Italia gestore della concessione del Terminal CICT, aveva portato solo rassicurazioni verbali, ma nessuna presa di posizione da parte dell'azienda.

Ai dipendenti che chiedevano la revoca del licenziamento Battistello aveva detto: «Non serve disperarsi, la preoccupazione fa parte della vita, abbiate fiducia» -ha continuato Battistello  - «siamo qui a lavorare per voi e io sono confidente che si trova una soluzione» - «Siamo qui a lavorare per prevenire la chiusura a fine mese, lasciateci lavorare, dateci il vostro supporto, pensate positivo. Siamo tutti nella stessa barca» - «Non dipende dall’azienda, né dalla sottoscritta o dal signor Thomas Eckelmann solamente. In Italia non c’è governo, non c’è colloquio, abbiamo lavorato tutto il Ferragosto e da Roma non ha risposto nessuno, questa è la situazione. Abbiamo tutto il supporto del presidente dell’Autorità portuale che è importantissimo». - «Non sto creando aspettative, l’obiettivo è non chiudere a fine di questo mese anche se mancano tre giorni. Non abbiamo noi la bacchetta magica, non ce l’ha nessuno. Noi non vi vogliamo in mezzo a una strada. Vi vogliamo preoccupati, ma anche sereni e tranquilli».

Post correlati

Il progetto del nuovo Waterfront di Spezia, esposto al MIPIM di Cannes

L’Adsp al MIPIM di Cannes espone il progetto del nuovo “Waterfront” della Spezia, oltre 40.000 mq. di aree affacciate sul […]

Porto di Ancona, siglato il contratto per la ristrutturazione del mercato ittico

Porto di Ancona, l’AdSP firma il contratto per l’intervento di ristrutturazione del mercato ittico – Aggiudicatario del bando il raggruppamento […]

61° Salone Nautico di Genova, Giovannini: “Investiamo come non mai su porti e nautica”

GENOVA – Si è svolta stamani la tradizionale cerimonia dell’alzabandiera, dalla  cornice della Terrazza del Padiglione Blu, con la quale […]


Leggi articolo precedente:
porto Livorno
“Il Rifugio della Sabbia” a Livorno tre giornate sul tema migrazioni

Dal 13 al 15 settembre in Fortezza Vecchia a Livorno - Il Rifugio della sabbia. Da Mare Nostrum a spazio...

Chiudi