Cagliari, Porto Canale – Floris (FI) a Di Maio: Subito un tavolo di crisi

Porto Canale Cagliari

PORTO CANALE CAGLIARI. FLORIS (FI): EVITARE LICENZIAMENTO LAVORATORI. DI MAIO INTERVENGA A TUTELA DELLE FAMIGLIE.

La richiesta d’aiuto dei lavoratori della Cict Cagliari International Container Terminal, che tra poco più di un mese saranno licenziati, non può restare inascoltata“. E’ quanto dichiara il senatore di Forza Italia, Emilio Floris, che sulla questione ha presentato un’interrogazione al ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio.

“Il 31 agosto, infatti, la società cesserà definitivamente le proprie attività lasciando a casa 210 dipendenti, con gravi ripercussioni sulle altre aziende collegate, coinvolgendo in tutto 350 lavoratori oltre all’indotto. “L’azienda infatti avrebbe scelto di spostare i propri interessi in altri porti, come Tangeri e Cipro, tenendo Cagliari in uno stato di semi-attività per evitare il subentro di un altro eventuale operatore concorrente. Per questo – continua il senatore Floris – ho chiesto al ministro Di Maio di attivare un tavolo di crisi, prevedendo anche un’eventuale Cassa integrazione che al momento appare l’unico strumento utile per salvaguardare i posti di lavoro”.

“Inoltre – aggiunge Floris – ho chiesto che si valuti l’attivazione di una ZES, l’adozione di agevolazioni fiscali e un’eventuale cessione delle quote azionarie, cercando al più presto un nuovo operatore disposto a investire nel porto di Cagliari. “Non possiamo permettere- conclude il senatore azzurro – che interessi aziendali ricadano pesantemente sulla vita di tante persone. Il governo dimostri responsabilità non solo a parole, ma con i fatti e intervenga immediatamente a tutela di centinaia di lavoratori e di famiglie sarde“.

LEGGI TUTTO
Si riunisce a Livorno il tavolo di coordinamento delle attività in ambito portuale

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC