Ports > Auto Terminal Gioia Tauro: Lavoratori non autorizzati? Sopralluogo di Authority e Capitaneria di porto

Auto Terminal Gioia Tauro: Lavoratori non autorizzati? Sopralluogo di Authority e Capitaneria di porto

Gioia Tauro- L’Autorità portuale di Gioia Tauro in seguito al sopralluogo ispettivo effettuato insieme alla Capitaneria di Porto presso la ditta Auto Terminal Gioia Tauro, rende noto:
 
"All’indomani della ricezione della lettera di denuncia, inoltrata dai dirigenti sindacali Filt-Cgil all’Autorità portuale di Gioia Tauro, che ha ipotizzato l’uso di lavoratori non autorizzati, e quindi il mancato utilizzo dei lavoratori iscritti alla Agenzia di somministrazione di lavoro portuale, è prontamente scattato il sopralluogo ispettivo congiunto dell’Autorità portuale di Gioia Tauro e della locale Capitaneria di Porto presso la ditta Auto Terminal Gioia Tauro.
 
Nello specifico, lo scorso 5 marzo, i funzionari responsabili della vigilanza e controllo dell’Ente, guidato dal Commissario Straordinario Andrea Agostinelli, insieme ai militari della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro, hanno prontamente avviato l’attività d’indagine, recandosi presso il Terminal per svolgere la relativa ispezione a bordo della nave “Hoegh Xiamen”, ormeggiata presso la banchina nord, in concessione alla società Auto Terminal Gioia Tauro per lo sbarco di autovetture.
Obiettivo dell’Ente è stato quello di garantire la corretta osservanza della legge in materia (legge 84/94) e, non ultimo, di tutelare l’operatività dei lavoratori iscritti nel registro della Gioia Tauro Port Agency, l’agenzia di somministrazione del lavoro portuale, di cui, è bene sottolinearlo, l’Autorità portuale è unico socio.
 
Lo scorso lunedì, quindi, è scattato l’immediato sopralluogo per verificare se, a bordo della nave attraccata al porto in occasione dello sbarco di autovetture e, quindi, in caso di eventuali eccessivi carichi di lavoro, fossero stati reclutati lavoratori estranei alla suddetta Ditta, concessionaria dell’area portuale adibita al servizio del trasbordo di autovetture.
 
Dall’indagine effettuata è emerso che le operazioni portuali non sono state svolte da personale reclutato dalla Compagnia portuale di Napoli-Pontecagnano-Civitavecchia, ma sono state espletate dai dipendenti della suddetta Società concessionaria e, anche, dal personale dipendente delle imprese portuali Universal Service e Sea Work Service, autorizzate ad erogare servizio portuale presso il Terminal.
Nel contempo, però, al fine di verificare la puntuale applicazione dell’art.18, comma 7, della legge 84/94 (e successive modifiche e integrazioni) sono in corso ulteriori accertamenti per esaminare la sussistenza di eventuali e ulteriori violazioni amministrative a carico della società Auto Terminal Gioia Tauro".
 
 
 

Post correlati

Spezia aderisce alla Piattaforma Logistica Nazionale per la crescita della digitalizzazione portuale

Carla Roncallo, presidente Authority La Spezia: “Passaggio importante per il processo di digitalizzazione del porto della Spezia e dell’intero sistema […]

Genova sciopero tir in porto: Il prefetto convoca le parti

GENOVA– Stamani per le ore 11,00 il prefetto di Genova, Fiamma Spena, ha convocato con carattere di urgenza, il tavolo di […]

Genova sciopero Tir: Gallo CGIL, “Al Tavolo troppi soggetti, hanno fatto il lavoro senza di noi”

di Lucia Nappi GENOVA – Le agitazioni e il blocco degli autisti dell’autotrasporto nel porto di Genova è iniziato ieri […]


Leggi articolo precedente:
MIT: In arrivo 200 milioni per porti, città metropolitane, province e comuni

Fondo progettazione Enti locali:  90 milioni - Fondo progettazione insediamenti prioritari: 110 MILIONI - Due decreti del ministro Infrastrutture e Trasporti, Graziano...

Chiudi