Assiterminal: Costituzione Comunità Energetiche Porti, pronta la proposta normativa

Lo sviluppo delle Comunità Energetiche Portuali - spiega Assiterminal - è strategico per la sostenibilità di una vera transizione energetica negli ambiti portuali e demaniali marittimi al pari del Cold Ironing.
Alessandro Ferrari

ROMA – Assiterminal interviene sui molti temi di rilievo che coinvolgono i porti e il cluster marittimo – portuale. Massima soddisfazione sulla questione dei canoni concessori per gli “emendamenti presentati da diversi parlamentari di maggioranza e opposizione”.  Assestando una stoccata all’annosa vicenda del contributo ad ART”- “finalmente quantomeno la platea dei soggetti che prendono posizione su questi temi si è allargata e si sta creando un fronte compatto e trasversale che condivide nel merito le stesse istanze e le stesse preoccupazioni”.

Sull’ aumento dei canoni concessori  Assiterminal commenta: “Le proposte emendative che mirano a chiarire il criterio di applicazione ” –  “sono in linea con le dichiarazioni del ministro Salvini nella conferenza stampa del 7 agosto e con l’impegno profuso dal vice ministro Rixi: vuol dire che anche il dialogo con Bruxelles sembrerebbe essere andato a buon fine e che l’intesa nella maggioranza per portare a termine il percorso parrebbe essere confermata: ora seguiamo con la consueta massima attenzione la conclusione dell’iter parlamentare.

Continuiamo ovviamente a chiedere l’apertura di un tavolo tecnico per la revisione degli indici ISTAT sottesi alla determinazione dell’indicizzazione dei canoni, tema su cui confidiamo che il Consiglio di Stato accolga anche il nostro ricorso così come avvenuto per i balneari e per le marine nautiche”.

Domani Assiterminal sarà in audizione IX Commissione del Senato  (Industria, commercio, turismo, agricoltura e produzione agroalimentare)) – in merito all’iter del DDL Concorrenza, spiega la nota associativa: “rappresenteremo una proposta normativa per dare corso alla costituzione delle Comunità Energetiche Portuali”- (CERP) – “stiamo condividendo questo percorso con le associazioni dello shipping, della cantieristica, del terminalismo e della nautica da diporto perché l’obiettivo è come sempre ampliare la base di partecipazione per ampliare il consenso e provare a puntare al risultato.

LEGGI TUTTO
Si avvicina lo sciopero dei lavoratori dei porti e delle AdSP - Venerdì 17 dicembre 24 ore di fermo

Lo sviluppo delle Comunità Energetiche Portuali – è strategico per la sostenibilità di una vera transizione energetica negli ambiti portuali e demaniali marittimi al pari del Cold Ironing: anzi uno sviluppo efficace delle CERP dovrebbe essere di aiuto anche ai fabbisogni energetici del Cold Ironing così come della produzione di idrogeno

Il tema della transizione energetica nei porti, sta finalmente attirando l’attenzione della politica nazionale anche per quanto agli effetti competitivi delle misure predisposte in ambito comunitario.

Le recenti prese di posizione dell’on Frijia e dell’on Paita, la risposta del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, gli interventi che si sono susseguiti in questi giorni a Trieste nel corso dell’evento organizzato da Ambrosetti sono il chiaro segnale che la sostenibilità deve essere compatibile con lo sviluppo economico, non essere un freno o uno strumento potenzialmente distorsivo della concorrenza tra porti del sud e nord Europa, oltre che ovviamente del sud del Mediterraneo: il tema dell’ETS, su cui concordiamo pienamente con Confitarma e Assarmatori, deve essere al centro dell’agenda del Governo nelle interlocuzioni con Bruxelles.

Come spesso accade il livello di attenzione sale di fronte all’emergenza.

Se è vero che i recenti confronti in casa FdI e PD anche sui temi della riforma della governance hanno visto le Associazioni del cluster particolarmente coese nell’evidenziare criticità e proporre soluzioni e modelli consequenziali, è evidente che ci si aspetti dalla politica risposte altrettanto adeguate e coerenti con un’esigenza del settore di tenuta competitiva: il che si traduce di conseguenza in tenuta dell’occupazione, dei livelli salariali, delle ricadute economiche e sociali sui territori ove ciascuna delle nostre aziende opera e dei contesti produttivi a cui ciascuna delle aziende dei nostri settori è collegata”.

LEGGI TUTTO
Asamar, Confindustria e Spedimar per "Livorno si mobilita"

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC