Ports > Ancona ristruttura il Mercato Ittico, 2,6 mln già disponibili

Ancona ristruttura il Mercato Ittico, 2,6 mln già disponibili

Un investimento complessivo di 2,6 milioni, ha ottenuto un finanziamento Feamp di 850 mila euro dalla Regione Marche. Il presidente Giampieri, "Un luogo di riferimento della vocazione marinara della città e un simbolo da poter utilizzare durante tutta l’arco della giornata"
 
ANCONA-  Un mercato ittico moderno e funzionale alle necessità del mondo della pesca e della città di Ancona. Questo l’obiettivo del progetto dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale per la ristrutturazione dell’edificio che si trova al porto pescherecci del Mandracchio, di fronte alla Mole Vanvitelliana, che ha ottenuto un finanziamento di 850 mila euro da un bando della Regione Marche per la modernizzazione delle infrastrutture per la pesca, che utilizza le risorse del Feamp-Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca.
 
L’intervento prevede un investimento complessivo di circa 2,6 milioni di euro, già disponibili. L’edificio principale della struttura, con una superficie totale di 2.400 metri quadrati, è stato costruito nel dopoguerra su progetto dell’architetto Gaetano Minnucci, firma del Novecento italiano, protagonista della ricostruzione di Ancona e autore di altre opere di rilievo della città, come la Galleria dorica e la Chiesa del santo Crocifisso nel quartiere Archi. All’interno del mercato, si svolgono la vendita all’asta e all’ingrosso del pescato, attività della tradizione marinara del capoluogo marchigiano, scandite da rituali consolidati negli anni, tramandati da generazioni di famiglie di pescatori.
 
Il progetto dell’Autorità di sistema, finanziato dalla misura 1.43 “Porti, luoghi di sbarco, sale per la vendita all’asta e riparti di pesca” del Feamp, primo classificato nella graduatoria del bando della Regione, ha lo scopo di realizzare l’adeguamento strutturale dell’edificio rinnovandolo dal punto di vista architettonico e ammodernando l’attività di vendita dei prodotti ittici. Saranno finanziati interventi per l’efficientamento energetico, con l’isolamento delle coperture e le sostituzioni delle vetrate, e per potenziare la sicurezza dell’edificio. Partendo dai suggerimenti degli operatori, sarà ammodernata l’area dedicata alla vendita del pescato, con l’acquisto di una cella frigorifera per la conservazione del prodotto prima che vada all’asta e un impianto di produzione per il ghiaccio per preservare la qualità di questo alimento.
 
“Il mercato ittico è un luogo di riferimento economico per la città ma anche un simbolo della vocazione marinara di Anconadice il presidente dell’Autorità di sistema, Rodolfo Giampieri -, con questo progetto vogliamo, dopo il confronto con i pescatori e gli operatori che qui lavorano, apportare tutti i miglioramenti necessari per l’ammodernamento di questo luogo e confermare quanto riteniamo la pesca un asset strategico per lo sviluppo. Una modernizzazione che, pensiamo, debba riguardare anche il suo utilizzo. Non solo, quindi, le prime ore della giornata con l’asta del pescato ma anche il resto del giorno con altre attività. Una modalità più europea per poter fruire degli spazi cittadini e rafforzare il rapporto fra Ancona, il suo mare e il suo porto”.

 

Post correlati

Gruppo Onorato: “Sulle nostre navi equipaggi e contratti italiani”

MILANO –  Duro l’attacco del Gruppo Onorato in merito alla questione dell’imbarco dei marittimi italiani sulle navi di flotta nazionale. […]

Assarmatori promuove il trasporto marittimo italiano in Europa

BRUXELLES – AssArmatori incontra la Commissione europea per fare un focus su: risorse umane, formazione, mobilità sostenibile, nuove normative e procedure per […]

Community Spezia: Parità di benefici per la portualità ligure

  LA SPEZIA – È venuto il momento che i porti liguri facciano davvero sistema per intercettare una parte del […]


Leggi articolo precedente:
Mattioli-Shipping: Normative ambientali, “Attenzione al rischio regionalizzazione” /Intervista

"Seguiamo e partecipiamo a tutti i programmi di riduzione delle emissioni" "Ma è importante che ci sia un criterio univoco...

Chiudi