lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Achille Onorato: “Genova ha superato il controesodo con il massimo dei voti”

Achille Onorato: "Genova ha superato il controesodo con il massimo dei voti"

"Esorcizzati i timori per la viabilità ridotta conseguente la tragedia del Ponte Morandi", - Migliaia i passeggeri di ritorno dalle vacanze e sbarcati nel porto di Genova dai traghetti provenienti da Sardegna, Corsica e Sicilia.

GENOVA - Con lo scorso fine settimana è terminato il così detto controesodo di passeggeri  dei traghetti provenienti da Sardegna, Corsica e Sicilia e sbarcati  nel porto di Genova. “Il porto di Genova ha superato la prima prova con il massimo dei voti”. Lo ha sottolineato Achille Onorato, Ceo del gruppo armatoriale Moby e Tirrenia, e che ha seguito ora per ora l'andamento dei flussi dei traffici.

Il Gruppo Onorato pertanto rende noto:“I timori per la viabilità ridotta conseguente la tragedia del Ponte Morandi – ha dichiarato Achille Onoratosono stati esorcizzati e annullati dall’eccezionale capacità di reazione espressa dalla città e dalle sue istituzioni, dal Comune alla Regione, dall’Autorità di Sistema Portuale alla Capitaneria di porto, che hanno reso possibile un controesodo sereno, ordinato, senza difficoltà e intoppi di sorta per le migliaia di passeggeri di ritorno dalle vacanze”.
È quindi con grande fiducia e all’insegna dello slogan “Genova. Siamo con te” che il gruppo Onorato si prepara anche per la seconda grande prova, quella ripresa del traffico merci e di mezzi pesanti che “certo – afferma il Ceo del gruppo – impatterà in modo ancora più accentuato sul sistema porto e sulla viabilità, ma che, grazie anche alla eccezionale disponibilità e comunità di intenti dei terminalisti genovesi, sarà superata con successo”.

 Il Gruppo Onorato ha tenuto a sottolineare che "rivolge un ringraziamento sentito a tutti, dalle Istituzioni agli operatori del porto, che non hanno ceduto terreno neppure per un secondo, ma ribadisce anche il suo impegno su Genova. “Noi ci siamoconclude Achille Onorato – le nostre navi continueranno ad arrivare e partire da Genova e le nuove in costruzione avranno Genova come base operativa. La città e il suo porto lo meritano e la tragedia del ponte deve esprimere un doppio monito. Da un lato: non dimenticare mai. Dall’altro, comprendere che questa città e il suo porto devono rapidamente disporre delle nuove infrastrutture (Terzo valico, Gronda autostradale oltre che il nuovo ponte sul Polcevera) perché sono chiamati non a difendere l’esistente ma ad esprimere un ruolo essenziale di crescita per l’intera economia del Paese”.

Post correlati

Taranto, Authority portuale – Concorso per 19 assunzioni a tempo indeterminato

TARANTO – L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio (Taranto) ha indetto una SELEZIONE PUBBLICA PER L’ASSUNZIONE CON CONTRATTO A […]

Merlo (Federlogistica): Nel mirino dello spionaggio cinese, porti e traffici italiani

ROMA – Impadronirsi della gestione delle infrastrutture e della logistica mondiale, è questo il disegno della strategia geopolitica ed economica […]

Assiterminal lancia il nuovo video -«Un grande grazie a chi permette l’operatività dei porti»

ROMA – «Un grande grazie a chi permette l’operatività dei porti», lo si legge nell’immagine conclusiva del nuovo video lanciato […]


Leggi articolo precedente:
Genova, soluzioni di urgenza: Connessioni porto-autostrada e efficienza dei controlli

La Comunità portuale si riunisce per le soluzioni di urgenza: il porto di Genova garantisce operatività e servizi. GENOVA -...

Chiudi