Uiltrasporti: Nuovo piano industriale FS, infrastrutture e collegamenti più veloci specie al Sud

Ferrovie

Tarlazzi (Uiltrasporti) su nuovo piano industriale Ferrovie dello Stato: “Investimenti sulle infrastrutture, per collegamenti più veloci e moderni, specie quelli riguardanti il sud del Paese per accompagnare la trasformazione del Paese.

ROMA – “Alla luce di quanto emerso da questo incontro, possiamo esprimere un giudizio positivo sul percorso che Ferrovie dello Stato intende intraprendere con il nuovo piano industriale. La trasformazione che verrà attuata dal gruppo, accompagnerà la trasformazione del Paese in questa fase così delicata quanto decisiva in cui abbiamo bisogno di finalizzare i progetti messi in campo. Importanti in questo senso saranno gli investimenti sulle infrastrutture, per collegamenti più veloci e moderni, specie quelli riguardanti il sud del Paese.”.

Così il segretario generale della Uiltrasporti Claudio Tarlazzi al termine dell’incontro con i rappresentanti di Ferrovie dello Stato che questa mattina hanno illustrato alle organizzazioni sindacali di categoria il nuovo piano industriale che avrà durata decennale.

“Come Uiltrasporti giudichiamo positivamente i contenuti del Piano, considerandolo sfidante soprattutto per quanto riguarda l’evoluzione tecnologica, la produzione di energia pulita e l’espansione del mercato del trasporto europeo.

Molto positiva è la forte spinta verso la digitalizzazione – ha continuato Tarlazzi – a cui si lega inevitabilmente anche un aumento dell’occupazione con la ricerca di molte competenze nuove che ora mancano e il potenziamento della formazione per adeguare le profesionalità già presenti. “.

“Importante sarà anche il cambio di rotta per quanto riguarda il polo merci attraverso nuove alleanze con i privati che consentiranno di andare a prendere direttamente le merci. Questo, insieme ad una maggiore sinergia con porti e aeroporti porterà ad una velocizzazione dei traffici merci, ma anche dei passeggeri e rappresenterà una base di partenza per la riduzione del trasporto su gomma nell’ottica della transizione ecologica”.

“Da parte nostra – ha concluso Tarlazzi- abbiamo chiesto più investimenti e un maggior coinvolgimento delle strutture sindacali sul tema della sicurezza. Infine, abbiamo posto chiarimenti in materia di manutenzione rotabili in merito alla dislocazione dei reticoli, degli investimenti e dul turn over del personale nonché, di dare corso all’omogenizzazione dei diversi contratti di lavoro presenti nel Gruppo FS, che non garantiscono stessa normativa di lavoro ed economica ai lavoratori. Ora continueremo a mantenere alta l’attenzione negli incontri che si svilupperanno con tutte le società del gruppo.”

LEGGI TUTTO
L'industria logistica cinese in veloce ripresa a marzo +51,5%

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC