lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Dl Infrastrutture, Trasportounito denuncia: “Il governo si occupa solo delle poltrone”

Dl Infrastrutture, Trasportounito denuncia: "Il governo si occupa solo delle poltrone"

La denuncia di Trasportounito, Luongo: "Nella bozza del decreto legge infrastrutture, l'attenzione del governo va ai componenti del nuovo Comitato centrale dell’Albo degli autotrasportatori"

ROMA - E' in corso da stamani, a Palazzo Chigi, la riunione del CdM per l'esame del decreto legge "infrastrutture" che reca "“Disposizioni urgenti in materia di investimenti e sicurezza delle infrastrutture, dei trasporti e della circolazione stradale” per la funzionalità del ministero delle infrastrutture e della mobilita' sostenibili MIMS, del Consiglio superiore dei lavori pubblici e dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle infrastrutture stradali e autostradali". 

Sulla bozza del Decreto legge, stamani, è intervenuta Trasportounito, Associazione Nazionale Autotrasportatori, per voce del suo presidenbte Maurizio Longo, denunciando:  "il governo sceglie di occuparsi solo delle poltrone" - "fra le decine di problemi che incombono sull'autotrasporto e quindi sull'asse portante della mobilità del Paese" tra questi: "Sicurezza a rischio, autostrade bloccate, carenza ormai drammatica di autisti, mancato coordinamento della filiera logistica".

Pertanto Trasportounito lamenta che nonostante i molteplici e gravi problemi che rischiano di paralizzare l'economia dei trasporti su strada, nella bozza del decreto legge il governo concentra la sua attenzione su quelli che dovranno essere i componenti del nuovo Comitato centrale dell’Albo degli autotrasportatori.

Secondo Maurizio Longo si predispone “una misura normativa non richiesta dalla categoria e imposta unilateralmente e inspiegabilmente dal Governo, puntualmente presente quando si tratta posti in authority, commissioni, enti e accreditamenti”.

“Sul contenuto – prosegue Longo – la proposta normativa cancella, di fatto, la presenza nell'Albo delle associazioni dell’autotrasporto sostituendole con le confederazioni associative; in sostanza, si consegna l’Albo degli autotrasportatori ai committenti dei servizi di autotrasporto”.

“Noi abbiamo da sempre sostenuto – conclude Longo – che il Comitato centrale degli autotrasportatori fosse ormai uno strumento obsoleto e quindi da modificare in chiave semplificata e consultiva ma, se dovesse passare la deleteria norma imposta dal Governo, ci troveremo costretti a contrastare tale operazione utilizzando tutti gli strumenti utili o necessari”.

Post correlati

Conftrasporto, le politiche EU su Trasporti e logistica, comprendano le imprese italiane

ROMA – Interviene Conftrasporto-Confcommercio sul tema delle politiche europee in ambito di Trasprti e Logistica:  “Siamo arrivati al punto di […]

Assemblea Fedespedi, il mondo che cambia – Digitalizzazione, sostenibilità e nuove competenze –

VENEZIA – Si è svolta a Venezia l’Assemblea Pubblica di Fedespedi, la Federazione nazionale delle Imprese di Spedizioni internazionali dal […]

Automotive, in crisi da tre anni – La guerra in Ucraina si è abbattuta su tutta la filiera

BRUXELLES –  Logistica dei veicoli finiti in Europa, camion e auto, la crisi di tutta la filiera negli ultimi tre […]


Leggi articolo precedente:
DSV
Cresce la danese DSV, compra GIL e nuovo assetto per l’Italia in tre divisioni

HEDEHUSENE - La danese DSV, specializzata nel trasporto e nella logistica a livello globale su strada, aria, mare e treno...

Chiudi