Belt&Road / Inaugurato il primo ponte stradale tra Russia e Cina

Primo ponte stradale tra Russia e Cina. A regime  garantirá il passaggio di 1 milione di tonnellate di merci all’anno.

MOSCA – Si torna a parlare di Belt&Road Initiative, la nuova Via della Seta cinese.

L’occasione è l’inaugurazione del primo ponte stradale che collega Russia e Cina,  in particolare la città russa di Blagoveshchensk con quella cinese di Heine. Un’infrastruttura di 1 chilometro che attraversa il fiume Amur. Lo ha riportato l’agenzia di stampa russa Ria Novosti.

L’opera fa parte dei progetti logistici di cooperazione con la Cina nell’ambito della Belt&Road Initiative cinese.

Pensato come collegamento strategico per il trasporto delle merci su gomma, con una capacità di transito di oltre 600 camion al giorno, il nuovo ponte  a regime garantirá il passaggio di 1 milione di tonnellate di merci all’anno.

L’infrastruttura, la cui apertura ha subito un ritardo di due anni a causa del Covid, va a sostituire o integrare i collegamenti che fino ad oggi erano garantiti da ponti mobili e traghetti fluviali.

Il costo per la sua realizzazione, secondo quanto ha riferito l’agenzia di stampa Interfax – è di 18,8 miliardi di rubli (318 milioni di dollari) per la parte russa.

Al momento il traffico passeggeri e auto non è ammesso, a causa delle restrizioni dovute al Covid-19.

Inoltre ad agosto prossimo è prevista l’inaugurazione ed apertura di un altro collegamento tra Russia e Cina, si tratta del primo ponte ferroviario tra i due Paesi, infrastruttura che è stata completata nell’aprile scorso, e che rientra, anche questa, nella pianificazione della Belt&Road.

Leggi anche ANALISI – L’Australia dice addio alla Via della Seta – La Cina teme una reazione a catena 

 

LEGGI TUTTO
Sospeso il fermo dell’autotrasporto in Liguria da 15 al 19 giugno

 

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC