Appello di Confetra al Mise: Controlli radiometrici, a rischio paralisi i porti

Guido Nicolini

ROMAControlli radiometrici in  sede di sdoganamento presso i luoghi di entrata delle merci in Italia, principalmente nei porti, é il tema dell’appello congiunto di Confetra e di Confindustria al ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti.

Riportiamo il testo della lettera a firma  del presidente di Confetra, Guido Nicolini e del vice presidente di Confindustria, Natale Mazzucca:
“La normativa che riguarda questa delicata disciplina è in via di aggiornamento ed entro il 30 aprile dovrà essere emesso un Suo decreto che fisserà le regole e l’elenco dei prodotti cui dovrà applicarsi la sorveglianza radiometrica in sede di sdoganamento presso i luoghi di entrata delle merci in Italia, principalmente porti.
Da quella stessa data, qualora il decreto non venisse emanato (è previsto il concerto con i Ministri degli Affari Esteri, della Salute, dell’Ambiente, del Lavoro, la consultazione dell’Agenzia Dogane e Monopoli e dell’Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare,
nonché la notifica preventiva alla Commissione Europea!), entreranno in vigore le disposizioni del Decreto Legislativo n.101/2020 che hanno esteso a dismisura l’elenco dei prodotti assoggettati a controllo radiometrico.

È urgente e necessario impedire che ciò accada, Signor Ministro, se non si vuole assistere alla paralisi logistica dei nostri porti in una fase economica e sociale già così compromessa come quella attuale: i rappresentanti di Confetra e Confindustria chiedono pertanto al ministro il “provvedimento che consenta di continuare con le attuali regole e sugli stessi prodotti i controlli radiometrici all’importazione anche dopo il 30 aprile. Si tratta in sostanza di confermare le disposizioni del DM n.100/2011 che hanno dimostrato di essere efficaci scongiurando qualsiasi rischio di contaminazione radioattiva, e – come potrà confermarLe il direttore
Generale di ADM Minenna – sono già le più severe e rigorose tra quelle adottate dai 27 Stati Membri UE e comprendono già anche prodotti interamente in metallo. Ora non sarebbe né logico né giustificato aggravarle, così come previsto nel Decreto Legislativo n.101/2020, a tutto esclusivo danno degli interessi economici nazionali e dell’attrattività dei nostri porti”

LEGGI TUTTO
Raugei: Livorno Reefer Terminal, dalla cessione dell'immobile il consolidamento economico /INTERVISTA

Concludono le associazioni: “Considerando la specificità della materia e le necessarie competenze tecniche che sul campo sono esercitate dall’Agenzia Dogane e Monopoli, il suggerimento è di procedere urgentemente alla prevista consultazione dell’Agenzia che ha mostrato una notevole sensibilità alla risoluzione dei problemi e una capacità di interagire con gli operatori per garantire la fluidità dei processi logistici del Paese.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC