Blocco Canale di Suez, Maersk: «Ogni giorno in più aumenta l’impatto globale»

Laura Maersk

Maersk: «Per ogni giorno in cui il Canale di Suez rimane bloccato, continua ad aumentare l’impatto globale sulla capacità delle navi e sulle attrezzature» – «a repentaglio gli ETA» -Estimated Time of Arrival delle navi – ma «è troppo presto per segnalare il ritardo» – «Stiamo deviando il percorso delle navi che hanno la capacità e il carburante sufficiente per un cambio di rotta».

COPENAGHEN – «Il passaggio del Canale di Suez continua ad essere bloccato in entrambe le direzioni poiché dalle prime ore di  martedì 23 marzo una nave portacontainer, gestita da Evergreen Marine, a causa dei forti venti e delle tempeste di sabbia si è arenata,  andandosi ad incastrare lateralmente lungo il corso d’acqua»-  E’ quanto scrive  Maersk, operatore del trasporto marittimo globale di container, numero uno al mondo, per informare la propria clientela in merito alla situazione e alla posizione delle merci in transito direttamente coinvolte dal blocco del Canale di Suez.

«Mentre continuano gli sforzi per rimuovere la nave Evergreen dal Canale di Suez» – continua il gruppo danese – «oltre duecento navi sono intrappolate nel traffico in entrambe le direzioni. Per ogni giorno che passa, più navi raggiungeranno il blocco».

«Sebbene siano messi a repentaglio gli ETA» -Estimated Time of Arrival – «è troppo presto per segnalare il ritardo, poiché stiamo facendo del nostro meglio per mitigarne gli effetti. Dove possibile, stiamo già deviando le navi che hanno la capacità e il carburante sufficiente per un cambio di rotta» – Pertanto aggiunge Maersk è da tenere presente che «l’elenco delle navi potrebbe cambiare mentre continuiamo a dirottare le navi dove questo è possibile. Per ogni giorno in cui il Canale rimane bloccato, continua ad aumentare l’impatto globale sulla capacità delle navi e sulle attrezzature».

LEGGI TUTTO
Maersk lancia l'ambiziosa sfida "Zero Netto" di emissioni entro il 2040, anziché il 2050

La compagnia conclude informando la clientela che «il proprio carico potrebbe anche trovarsi su una nave di un diverso operatore. Tutti i clienti Maersk,  il cui carico è direttamente toccato da questa situazione riceveranno dettagliate informazioni  riguardo ai cambiamenti dei programmi e delle modifiche non appena avremo la panoramica completa».

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC