lorenziniterminal
grimaldi
Environment > MedCruise, Mangiarotti: Rifornimento GNL navi da crociera, ecco i porti – Mappatura – INTERVISTA

MedCruise, Mangiarotti: Rifornimento GNL navi da crociera, ecco i porti - Mappatura - INTERVISTA

Intervista - Valeria Mangiarotti, direttore board Ambiente MedCruise - Il futuro delle navi da crocierà è il GNL Nasce l’esigenza per il Mediterraneo, ma non solo, di ospitare infrastrutture per il rifornimento di queste navi, impianti che, ad oggi, non sono presenti.

Lucia Nappi

LIVORNO -  Drastica riduzione delle emissioni di gas serra, questi sono gli obiettivi delle politiche europee entro il 2050. Le compagnie armatoriali nel settore crociere hanno pertanto assunto l’impegno a ridurre al minimo l’impatto ambientale delle navi, in navigazione e in porto, grazie all'utilizzo di nuove tecnologie, ma soprattutto con piani di espansione delle flotte che prevedono la costruzione di navi alimentale a GNL. La presenza nel settore crocieristico di navi alimentate a GNL sarà pertanto un fenomeno in crescita nei prossimi anni, già oggi le navi da crociera in costruzione per i vari gruppi armatoriali sono per la maggiorparte a gas naturale liquefatto.

Da qui l’esigenza per il Mediterraneo di ospitare infrastrutture per il rifornimento di queste navi, impianti che, ad oggi, non sono presenti. Nel Mediterraneo centro-orientale non c'è infatti alcuna presenza di infrastrutture per il rifornimento diretto di GNL, esigenza di non trascurabile dal momento che nel Mediterraneo si muove il 30% del trasporto marittimo mondiale, oltre ad essere il secondo bacino al mondo, preceduto solo dai Caraibi, per il settore delle crociere.

Il primo studio sulla distribuzione degli impianti di GNL nei porti di Mediterraneo, Mar Nero Mar Rosso e parte dell’Oceano Atlantico, è stato realizzato da MedCruise nel 2019. Lo spiegato a Corriere marittimo, Valeria Mangiarotti, dal 2004 direttore del board Ambiente (Sustainability and Environmental Issues) di MedCruise, già vice presidente di MedCruise, inoltre sempre per il settore ambiente, rappresentante di Assoporti in Espo (European Sea Port Organisation)

“MedCruise è l’associazione che riunisce più di 100 porti crocieristici suddivisi in Mar Mediterraneo, Mar Nero, Mar Rosso e parte dell’oceano Atlantico - sottolinea Mangiarotti: "Una realtà importante e riferimento a livello europeo del Mediterraneo. Nasce nel 1996 all’inizio erano pochi porti”.

Di cosa si occupa la Task Ambiente di MedCruise?
“Cercare di trovare delle soluzioni compatibili a livello portuale per ridurre l’emissione delle navi da crociera in questi ultimi due anni. Abbiamo fatto degli studi sui rifiuti delle navi da crociera, progetti europei ed altro” -

Lo studio sul GNL nei porti?
“Siamo partiti dalla distribuzione di un questionario a tutti i porti soci e associati, per capire come è lo stato dell’arte delle infrastrutture GNL. L’importanza della mappa permette di vedere quali porti sono pronti,  non progetti in corso d’opera. In modo che le navi da crociera sappiano dove potere andare a fare rifornimento”.

Mappa GNL

Dove si trova la mappatura di questi porti?
“E’ pubblicato anche nel sito di MedCruise, lo studio è iniziato nel 2018 e terminato a fine 2019 aggiornata continuamente. Credo che questo studio sia una pietra miliare perché nessuno ha fatto, a livello europeo ,una mappa dei porti sul GNL, siamo stati i primi.

Quali risultati dallo studio?
“La mappa ci ha lasciato un po’ perplessi perché è emerso che l’unico Stato veramente pronto per il GNL è la Spagna con Barcellona. Abbiamo suddiviso in small e big scale a secondo la misura del rifornimento di GNL - Sono comunque in parte pronti anche la Francia con Marsiglia e Alessandria d’Egitto.”

L’Italia a che punto è?
“E’ working progress, non abbiamo un porto che possa fare rifornimento per le navi da crociera. Molti porti sono in corso di lavorazione. In dirittura d’arrivo in Italia, i porti di Civitavecchia e Venezia. In realtà c’è la normativa europea la n. 94 del 2014 che riguarda il GNL ma anche il cold ironing”.

Rispetto al cold ironing quale è la posizione di MedCruise?
“In MedCruis pensiamo che non sia possibile il cold ironing per le navi da crociera. Ci sono degli studi in Italia sul cold ironing che MedCruise non segue, a tutt’oggi non siamo per il sistema delle banchine elettrificate per le navi da crociera”.

Perchè non seguite i progetti sull’elettrificazione delle banchine?
“Perché arrivando più navi nello stesso momento, non si può pensare di soddisfare dei “paesi galleggianti” di 5 mila persone. Inoltre se si riflette l’obiettivo è utilizzare energia pulita, ma da dove prende l’energia il porto? Dal carbone per esempio? Nel mondo ci sono sistemi di cold ironing: in Alaska, America che utilizzano energia dell’acqua, queste banchine elettriche sono però per i traghetti, ovvero navi che trasportano persone, ma rimangono poco tempo in banchina e poi ripartono. Mentre una nave da crociera può rimanere 8-9 ore in un porto”.

Altre soluzioni rispetto a GNL?
Durante il Summit World LNG di Roma, Tom Strang, responsabile ambiente Carnival Corporation – è intervenuto parlando di altri spiragli per l’idrogeno ed il cold ironing. Secondo MedCruise però, è utile fare una politica integrata in modo che gli armatori sappiano che i porti seguono un unico sistema. Solo così abbiamo una forza contrattuale.

In che senso?
“Per esempio nel caso in cui i porti del Mar Nero, Odessa, oppure Costanza dicono di non essere interessati perché non sono nell’Europa. Questo è sbagliato perché una compagnia sapendo che un porto non ha rifornimento di GNL può cancellare lo scalo. Pertanto tutti i porti devono cercare di rientrare in qusta politica integrata. Così come i porti del Middle East come la Turchia, la Siria adesso per problemi politici non fa più parte dell’Associazione”

Lo studio inoltre cosa ha evidenziato?
“Quando è iniziato il GNL,  l'utilizzo di fondi europei e la comunicazione con il territorio. In Italia i porti che non hanno avuto comunicazione con il sindaco e con la Regione, dopo hanno riscontrato problemi, del GNL spaventa la safety portuale, è necessaria pertanto una buona comunicazione con le istituzioni, altrimenti può verificarsi che l’opinione pubblica sia contro”.

Quale sarà il futuro dei porti oltre al GNL?
“L’idrogeno e le energie rinnovabili, molti porti ormai hanno auto elettriche, illuminazione led.

A livello internazionale come vi confrontate?
“Con Espo con Cruise Europe, sappiamo che nel Nord Europa specialmente in Finlandia ci sono diversi sistemi di GNL nei porti”.

Dal punto di vista normativo?
“Non tutti gli Stati recepiscono le direttive europee contemporaneamente, l’Italia rispetto ad alcuni paesi è più indietro. Nel nostro Paese abbiamo una normativa nazionale del 2016 che recepisce la n. 94 del 2014, avevamo due anni di tempo per farlo e lo abbiamo fatto, anche se con due mesi di ritardo. E’ importante recepire le normative europee in tempo utile, perché dal punto di vista concorrenziale ci sono altri stati che hanno progetti più avanti perché hanno recepito prima direttiva”.

Post correlati

Nel 2020 boom di vendite biciclette, oltre 2 milioni (+20% sul 2019)

“Nel 2020 la vendita di bici in Italia potrebbe superare i due milioni attestandosi a 2milioni e 50mila pezzi venduti.” […]

Assocostieri sul caso Costa Bioenergie: “Norma ad personam, violati principi costituzionali”

ROMA – Interviene Assocostieri sul caso “Costa Bioenergie” – “un duro colpo per la libera iniziativa nel settore delle infrastrutture […]

Monitoraggio dell’aria nel porto di Portoferraio – Campagna ambientale AdSP-Arpat

PORTOFERRAIO (LIVORNO) – La qualità dell’aria nel porto di Portoferraio sarà monitorata per circa due mesi, fino alla fine del […]


Leggi articolo precedente:
Porto canale
E’ del Gruppo PIFIM la proposta per il terminal contenitori di Cagliari

"Quello odierno si può considerare un risultato di grande importanza" - ha commentato Massimo Deiana, presidente dell’AdSP del Mare di...

Chiudi