lorenziniterminal
grimaldi
Environment > Bando “Innovare in Rete” 10 mln per progetti innovativi a impatto ambientale e sociale

Spadoni

Bando "Innovare in Rete" 10 mln per progetti innovativi a impatto ambientale e sociale

Banca Etica ed Entopan Innovation cercano imprese che coniugano innovazione sociale e trasformazione digitale. I progetti selezionati riceveranno consulenza e finanziamenti fino 500mila euro.
“Innovare in rete” è un programma di accompagnamento per progetti innovativi a impatto sociale e ambientale che si rivolge a start-up, spin-off, PMI ed enti del terzo settore che abbiano già incubato o sviluppato iniziative ad elevato tasso di innovazione sociale e tecnologica per affrontare le sfide sociali e ambientali delle città e delle comunità. Il bando è aperto a iniziative innovative negli ambiti:
Economia circolare;
Mobilità, ambiente, efficienza energetica;
Welfare, salute e qualità della vita.

C’è tempo dal 29 marzo al 30 aprile 2021 per candidare i progetti sulla piattaforma https://innovareinrete.entopaninnovation.it/

I progetti selezionati dovranno prevedere un piano di investimenti e spese correnti compresi tra 300mila e 500mila euro. Il finanziamento sarà erogato da Banca Etica a tasso agevolato e potrà essere restituito in un arco temporale di 10 anni, con un preammortamento di un anno. Il finanziamento andrà a coprire anche le spese di investimento per i servizi di pre-accelerazione e accelerazione curati dal network qualificato che costituisce il plus dell’iniziativa.

Innovare in rete è promosso dall’incubatore e acceleratore Entopan Innovation e da Banca Etica, in partnership con Fondazione Giacomo Brodolini, Fondazione Bruno Kessler ed Entopan Smart Networks & Strategies. Nello specifico, il programma consente di accompagnare le iniziative innovative lungo un percorso di crescita all’interno di un network di incubatori e acceleratori, centri di ricerca, mentor, corporate e investitori qualificati.

Innovare in rete sostiene le progettualità nate da concreti fabbisogni di innovazione tecnologica che prevedano significativi impatti sociali, economici, ambientali sui sistemi territoriali e sulle comunità in cui agiscono, in coerenza con la risoluzione adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, dal titolo “Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile” oltre che con gli obiettivi dei programmi “Green New Deal” e “Next Generation EU” della Commissione Europea, nella prospettiva delle grandi sfide delle transizioni tecnologiche, verdi, economiche e sociali della contemporaneità. Innovare in Rete intende generare impatti concreti, positivi e misurabili anche alla luce della ricostruzione materiale e valoriale che richiederanno gli scenari post-pandemici.

L’obiettivo è quello di accrescere la competitività aziendale delle organizzazioni sui mercati nazionali e internazionali, attraverso la valorizzazione degli asset innovativi e l’abilitazione di un ampio e qualificato network di attori e stakeholder attenti alle iniziative ad impatto.

I risultati della prima edizione
La precedente edizione del programma ha registrato 350 application, 52 progetti selezionati, 15 startup innovative incubate e accelerate a fronte di 6 milioni di euro già deliberati da Banca Etica. Un bilancio più che positivo che ha orientato la decisione di continuare a sostenere l’ecosistema innovativo attento agli impatti positivi dell’innovazione tecnologica, particolarmente in termini di inclusione e coesione sociale. Le iniziative promosse stanno affrontando ora con successo la sfida del mercato: piattaforme di telemedicina con funzioni di assistenza a distanza, macchinari elettromedicali per interventi non invasivi sui pazienti, carrozzine smart di nuova generazione per migliorare la vita delle persone con disabilità, iniziative di responsabilità sociale d’impresa a sostegno delle agritech nei Sud del mondo, piattaforme digitali per la promozione della cittadinanza attiva e la protezione contro il cyberbullismo, etc.

Post correlati

Fincantieri, ArcelorMittal e PWI per riconversione green Ilva Taranto

Fincantieri, ArcelorMittal Italia (AMI) e Paul Wurth Italia (PWI) hanno firmato un Memorandum d’intesa (MoU) per l’eventuale realizzazione di un […]

AdSP Livorno, al via il progetto per un’area a basse emissioni inquinanti (ECA) nel Mediterraneo

LIVORNO – Supportare studi e ricerche per la realizzazione nel Mediterraneo di un’area “Emission Control Area ” (ECA) ovvero a […]

Livorno, Guerrieri: “La Darsena Europa non è a rischio” L’area è monitorata dal 2001

LIVORNO –  Il rilevamento di un livello anomalo di benzopirene in uno dei sei campioni di cozze, posizionati come rilevatori […]


Leggi articolo precedente:
Giovani Armatori
Gavarone (Giovani Armatori): Formazione su nuove tecnologie per i marittimi italiani

La formazione è oggi una delle sfide più importanti, sia per le imprese armatoriali, che solo con il costante aggiornamento...

Chiudi