lorenziniterminal
grimaldi
Energy > Rigassificatore Livorno, Ok dalla Regione per la modifica non strutturale all’impianto

Rigassificatore Livorno, Ok dalla Regione per la modifica non strutturale all'impianto

LIVORNO - Approvato dalla Regione Toscana il procedimento di VIA statale, per la modifica non strutturale all’impianto Rigassificatore di Livorno della società OLT Offshore LNG Toscana. La modifica ha lo scopo di scopo di massimizzare la capacità e la flessibilità di ricezione da parte del Terminale, sia in termini di capacità di carico delle navi metaniere autorizzate, sia in termini di qualità e provenienza del GNL (Gas Naturale Liquefatto), garantendo in tal modo sostenibilità ambientale e massimo livello di sicurezza. Con la modifica richiesta è previsto un aumento del numero degli accosti annui delle bettoline, di metaniere di piccola e media taglia, passando da 41 a 122

Nell’ottobre 2020 il MiSE ha autorizzato alcune modifiche necessarie per implementare il servizio di Small Scale LNG Carriers che consentono l’utilizzo del GNL come combustibile per il trasporto marittimo e terrestre tramite metaniere di piccola-media taglia. Questo permette al Terminale di aumentare la potenzialità di fornitura di GNL come combustibile in forma liquida mediante bunkeraggio, attraverso l’operazione ship to ship o mediante i depositi costieri, con successivo trasporto su strada del prodotto ed alimentare la distribuzione di carburante sul territorio nazionale.

per il progetto proposto dalla società OLT Offshore LNG Toscana che punta ad aumentare il numero di accosti di navi di piccola taglia (le cosiddette bettoline) ricevibili dal Terminale, senza alcuna modifica strutturale. L'obiettivo è massimizzare capacità e flessibilità di ricezione da parte del Terminale.

Attualmente il Terminale, che è entrato in funzione nel 2013, provvede allo stoccaggio e alla rigassificazione del GNL. Il gas naturale viene ricevuto allo stato liquido, attraverso navi metaniere, viene stoccato in serbatoi criogenici a pressione pressoché ambiente e alla temperatura di -160°C, è rigassificato ed inviato al gasdotto a terra attraverso la condotta sottomarina. La capacità di stoccaggio è di circa 137.100 mc di GNL e la capacità annua di rigassificazione massima autorizzata è pari a 3,75 miliardi di metri cubi standard di gas.

Post correlati

Propeller Club Trieste: Futuro oleodotto SIOT, alla luce dei cambiamenti dell’economia globale

TRIESTE – Il futuro dell’oleodotto SIOT nell’ottica di una riduzione delle fonti energetiche legate agli idrocarburi. E’ il tema affrontato […]

Assoporti, in CdM la possibilità per i porti di status di comunità energetiche

Le AdSP possono costituire comunità energetiche – Le previsione all’interno del DL varato ieri in Consiglio dei ministri Roma – […]

Rigassificatore Piombino, Monni replica al consigliere Landi

Una polemica incomprensibile quella sul rigassificatore di Piombino, alla quale ha dato risposta l’assessora della Regionale Toscana con delega all’ambiente […]


Leggi articolo precedente:
Antipirateria Grimaldi
Golfo di Guinea, esercitazione anti-pirateria di Marina militare, Confitarma, Grimaldi e Capitanerie

ROMA - Esercitazione anti-pirateria svolta nel Golfo di Guinea che ha coinvolto la nave Grande Congo del Gruppo Grimaldi,  Confitarma...

Chiudi