lorenziniterminal
grimaldi
Cruise & Ferries > Onorato: «Tentativo di cessione del credito di Tirrenia A.S. ad un fondo, strategia per farci fallire»

Onorato: «Tentativo di cessione del credito di Tirrenia A.S. ad un fondo, strategia per farci fallire»

Milano - Una nota dell'armatore Vincenzo Onorato annuncia e denuncia il tentativo di cessione del credito di Tirrenia A.S. da parte dei Commissari, ad un non ben precisato "fondo".

 «Nel silenzio assordante che da oltre un anno caratterizza l’operato del il MISE e le vaghe e pretestuose missive dei Commissari in A.S.» - scrive Vincenzo Onorato - «apprendo che i Commissari di TIRRENIA A.S. si appresterebbero a cercare di vendere il credito vantato nei nostri confronti di un non ben specificato “fondo”.

Personalmente ritengo che questa mossa consentirebbe al MISE e ai suoi Commissari di scaricarsi delle proprie responsabilità sulla nota vicenda e di levarsi dal significativo empasse che loro stessi hanno creato. Il consistente rischio è che dietro questo “fondo” si celi il nostro concorrente Grimaldi e che comunque lo stesso voti sfavorevolmente il piano attestato in Tribunale e già PERALTRO ACCETTATO DA BANCHE E BONDHOLDERS facendo così fallire la Compagnia, liberando così rotte e personale, un aggravio per un eventuale acquirente.
Si è già visto che Grimaldi, dopo l’assegnazione della rotta in convenzione Napoli-Cagliari, ha disatteso la clausola sociale, prevista nel bando, e non ha assunto i circa 80 lavoratori TIRRENIA nel silenzio assordante del Governo e delle Istituzioni.

CHIEDO
Che l’eventuale cessione del credito avvenga CON TRASPARENZA su cifra, tempo e modi e che, come da me già proposto in passato, l’acquirente si obblighi al piano già accettato da banche e bondholders, obbligo che tra l’altro,  e non è poco, valorizzerebbe, in caso di cessione, il credito a vantaggio dello Stato e dei creditori.
Da anni ritengo che sia in atto una strategia per portare al fallimento la prima infrastruttura sul mare del Paese, pianificata dal Gruppo Grimaldi con l’appoggio politico della Lega e finanziato prima del signor Antonello Di Meo ed oggi del fondo J Invest.
Basta leggere i quotidiani nazionali per constatare quanto i Grimaldi e Matteo Salvini siano legati. Senza questa premessa non si spigherebbe perché un creditore senza garanzie a cui vengono offerti 144 milioni di euro e un’ipoteca su 4 navi, con un pagamento all’omologa di 23 milioni di euro, più di quanto probabilmente prenderebbero tra anni alla liquidazione e che ridurrebbe il debito a 121 milioni di euro, con assenso di banche e bondholders, a cui va il mio personale ringraziamento, si ostinino a voler far fallire la Compagnia che è sana, conta 6.000 lavoratori italiani del Sud e che oggi, in bassa stagione, ha in cassa consistente liquidità».

Vincenzo Onorato

Post correlati

Spezia, nuovo Molo crociere su Calata Paita partita la 2° fase della gara

Partita la seconda fase della gara per il nuovo Molo crociere su Calata Paita. Privilegiate le proposte in grado di […]

Ok dell’ESA a Grimaldi per l’ormeggio assistito tramite satellite

NAPOLI– L’Agenzia spaziale europea (Esa)  ha assegnato  al Gruppo Grimaldi la sperimentazione di  un sistema di ormeggio assistito, tramite collegamento […]

MSC Crociere, in Qatar il battesimo di MSC World Europa, nuova ammiraglia a GNL

MSC World Europa sarà la prima nave alimentata a gas naturale liquefatto (GNL) della flotta di MSC Crociere e la […]


Leggi articolo precedente:
Massimo Bernardo
Scomparso Massimo Bernardo, giornalista e presidente storico del Propeller Club Venezia

VENEZIA - La scomparsa di Massimo Bernardo, giornalista e presidente del Propeller Club Venezia per oltre trent'anni, fino all'aprile scorso,...

Chiudi