lorenziniterminal
grimaldi
Cruise & Ferries > MSC Crociere, riparte dall’Italia – Grandi esclusi i porti di Venezia e Livorno

MSC Crociere, riparte dall'Italia - Grandi esclusi i porti di Venezia e Livorno

Ripartono le crociere in Italia, il 16 agosto MSC Crociere farà salpare l'ammiraglia "MSC Grandiosa"  successivamente "MSC Magnifica" il 29 del mese. I nuovi itinerari prevedono quattro porti nel Tirreno: Genova, Civitavecchia, Napoli e Palermo e due porti nell’Adriatico: Bari e Trieste - Grandi esclusi gli scali di Venezia e Livorno.

Lucia Nappi

LIVORNO - Il Governo ha varato il Dl Agosto e tra le novità attese, anche la ripartenza delle crociere  la cui data è stata fissata per il 15 agosto.  Si riattiva così, gradualmente e con la massima sicurezza sanitaria garantita dai rigidissimi protocolli delle compagnie, il settore forse più penalizzato dalla pandemia da Coronavirus. Le due compagnie che hanno avuto l'ok ad effettuare i primi viaggi crocieristici nei porti italiani sono MSC Crociere e Costa Crociere, e che stanno riattivando l'economia collegata direttamente o inderettamente al settore.

MSC Crociere è la prima delle due compagnie ad avere annunciato la nuova programmazione per il mese di agosto dando il via a due navi:  la nuovissima ammiraglia "MSC Grandiosa"  il 16 agosto e "MSC Magnifica" il 29 del mese.
MSC Grandiosa propone crociere di 7 notti nel Mediterraneo occidentale, salpando da Genova verso Civitavecchia, Napoli, Palermo e La Valletta. Per MSC Magnifica sono previste, invece, crociere nel Mediterraneo orientale, anch’esse di 7 notti, che prevedono tappe a Bari, Trieste, Corfù, Katakolon e Pireo. Per entrambi gli itinerari sarà possibile iniziare e terminare la crociera da uno dei qualsiasi 6 porti italiani, scegliendo quello più comodo da raggiungere.

Grande escluso lo scalo di Venezia
Pertanto in questa prima fase di ripresa il porto di Venezia, numero 2 in Italia per numero di navi da crociera e passeggeri movimentati, rimane escluso e sostituito da Trieste da dove i crocieristi potranno effettuare le escursioni a terra per raggiungere la Laguna. «Trieste non sarà solo uno scalo  “overnight” ma darà modo di raggiungere Venezia con un collegamento ferroviario dedicato», aveva  annunciato il 3 agosto scorso, ed anticipato da Corriere marittimo, Gianni Onorato, Chief Executive Officer di MSC Cruises, durante la conferenza stampa per illustrare tutti gli aspetti che la compagnia ha dedicato alla ripresa delle attività. 

Lo scontro sulla questione No Grandi Navi ha pertanto finito per allontanare le navi da crociera dalla Laguna, perlomeno in questa prima fase. Questo è stata denunciato dai lavoratori delle imprese portuali di Venezia che operano con e per le crociere, oggi per la maggior parte in cassaintegrazione, e chein  conferenza stampa presso la Stazione Marittima hanno fatto sentire la propria voce davanti a quello che è stato definito «un silenzio assordante della politica e delle istituzioni».  I lavoratori portuali hanno pertanto scritto al Governo, alle Istituzioni locali e ai candidati «per creare le condizioni per far ripartire subito le crociere anche a Venezia e per scegliere al più presto una soluzione che ovvi il passaggio a San Marco gestendo al contempo la transizione per assicurare un futuro agli oltre 4000 lavoratori e alle loro famiglie».

L'altro grande escluso il porto di Livorno.
«E Livorno, porta della Toscana?» a sollevare il problema è Stefano Corsini, presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale su LinkedIn.

Un legame quello tra MSC Crociere e il porto di Livorno che si è andato rafforzando negli anni - «Il porto di Livorno è sempre più strategico nel progetto di crescita di MSC Crociere» - dichiarava nel maggio 2019 Leonardo Massa, Country manager MSC Crociere Italia,  in occasione del Maiden Call di MSC Fantasia a Livorno - «Nel 2019 movimenteremo con questa nave 120 mila ospiti» -«Ogni anno la nostra presenza su Livorno cresce non solo nella quantità delle navi e, della loro grandezza, ma anche nel numero di scali».  (VAI ALLA VIDEO INTERVISTA)

Livorno anche porto in prima linea negli obiettivi di MSC per la destagionalizzazione della vacanza in crociera, movimentando per la compagnia «Numeri importanti che sono parte di un piano iniziato anni fa con altre navi e continuerà nel futuro come con MSC Fantasia» spiegava il Country manager, illustrando l'itinerario settimanale della nave che partendo da Livorno, ogni venerdì, proseguiva per Genova, Marsiglia, Palma di Maiorca, Ibiza, Napoli.

 

Post correlati

MSC Crociere secondo sponsor di maglia del Genoa per la stagione 2022-2023

Genova – Il brand crocieristico MSC Crociere sarà partner del Genoa calcio in qualità di secondo sèponsor di maglia – […]

Piombino nei primi sette mesi 2022 il traffico passeggeri torna ai livelli pre-pandemia

PIOMBINO – Torna ai livelli pre-pandemia il traffico passeggeri nel porto di Piombino. A certificarlo i dati del Servizio Studi […]

Civitavecchia tocca quota 1 milione di crocieristi dall’inizio dell’anno

CIVITAVECCHIA – I porti italiani nel settore delle crociere si preparano ad registrare numeri record per il periodo di Ferragosto, […]


Leggi articolo precedente:
Perini navi
Perini navi, crisi finanziaria – La Regione Toscana segue la situazione

La Regione Toscana, insieme al Comune di Viareggio, segue con attenzione la crisi finanziaria di Perini Navi a seguito della...

Chiudi