lorenziniterminal
grimaldi
World > La Germania sequestra il primo megayacht di un oligarca russo

La Germania sequestra il primo megayacht di un oligarca russo

Sequestrato il primo megayacht di proprietà di un oligarca russo, si tratta di Alisher Usmanov, uno dei 26 soci del presidente russo Vladimir Putin.

AMBURGO - Le autorità tedesche hanno sequestrato un megayacht appartenente all'oligarca russo Alisher Usmanov, uno dei 26 soci del presidente russo Vladimir Putin che lunedì sono stati sanzionati dall'Unione Europea.

Secondo Forbes, il megayacht "Dilbar" da 600 milioni di dollari è stato sequestrato nel cantiere di un importante costruttore navale di Amburgo, dove si trovava  per essere sottoposto a delle riparazioni. I lavori di ristrutturazione dello yacht sarebbero stati interrotti a seguito del sequestro dei beni di Usmanov.

Dilbar è il più grande yacht al mondo per volume, con una stazza lorda di quasi 16.000 tonn.  Lungo oltre 156 metri, è anche il sesto yacht nella classifica della tipologia. Può ospitare fino a 24 passeggeri con interni di 40.000 piedi quadrati. Gli interni ospitano una piscina di 25 metri di lunghezza e 180 metri cubi, la più grande mai installata su uno yacht.

Il suo proprietario, Alisher Burkhanovich Usmanov, possiede il conglomerato metallurgico russo Metalloinvest, la società di media Kommersant e il fornitore di telefoni cellulari Megafon. Attraverso Metalloinvest, è uno dei maggiori azionisti di Deep Sea Minerals Finance.

Usmanov è anche nell'elenco dei possibili proprietari del superyacht Lady Gulya (ex nomi Alaiya, Tis). Il vero proprietario della Gulya non è noto con certezza e potrebbe essere collegata al partner commerciale di Usmanov, Andrei Skoch, anche lui nominato negli elenchi delle sanzioni occidentali.

Lo yacht personale di Putin, Graceful, è stato riposizionato da Amburgo al porto russo di Kaliningrad all'inizio di febbraio, mettendolo al sicuro fuori dalla portata delle sanzioni occidentali. Altri sono in navigazione in acque internazionali e alcuni sono fuggiti in giurisdizioni neutrali. Tuttavia, altri yacht collegati alla cerchia ristretta di Putin sono nel mirino delle autorità di regolamentazione dell'UE e degli Stati Uniti.

Martedì sera, il presidente US Joe Biden è intervenuto durante il suo discorso annuale sullo stato dell'Unione per sottolineare gli sforzi dell'amministrazione, inclusa una nuova task force che prende di mira i beni degli oligarchi.

"Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta assemblando una task force dedicata a perseguire i crimini degli oligarchi russi", ha affermato il presidente Biden. "Ci stiamo unendo con gli alleati europei per rintracciare e sequestrare i loro yacht, i loro appartamenti di lusso, i loro jet privati. Frutto di guadagni illeciti".

Post correlati

Propeller Club Trieste: Futuro oleodotto SIOT, alla luce dei cambiamenti dell’economia globale

TRIESTE – Il futuro dell’oleodotto SIOT nell’ottica di una riduzione delle fonti energetiche legate agli idrocarburi. E’ il tema affrontato […]

Il presidente Biden vieta alle navi russe l’accesso ai porti statunitensi

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha deciso di vietare a tutte le navi affiliate alla Russia di fare […]

Federazione del Mare, avviata raccolta fondi per la popolazione ucraina colpita dal conflitto

ROMA – La Federazione del Mare avvia una raccolta fondi per le popolazioni vittime del conflitto in Ucraina – Alla […]


Leggi articolo precedente:
Andrea Agostinelli
Agostinelli, riqualificazione del porto di Crotone passata al Consiglio superiore Lavori Pubblici

GIOIA TAURO - Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ha approvato l’Adeguamento Tecnico Funzionale (ATF) del Piano Regolatore Portuale dello...

Chiudi