lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Trieste, World Maritime Day Italy: Donne nel settore marittimo, presenza importante – Annullare le differenze di genere

Trieste, World Maritime Day Italy: Donne nel settore marittimo, presenza importante - Annullare le differenze di genere

World Maritime Day Italy 2019 a Trieste: donne nel settore dello shipping, una presenza importante e qualificata.

TRIESTE - Uomini riflessivi e donne veloci. Grande rispetto per il genere femminile nell'ambiente marittimo e dello shipping, ma ancora tanto lavoro da fare per annullare le differenze di genere che dipendono, in gran parte, da un modello culturale precedente.

Un parterre di relatrici di grande spessore ha dato vita ieri mattima a Trieste all'edizione triestina del "World Maritime Day Italy", iniziativa nazionale che vedrà altre due appuntamenti: a Genova e a Napoli.
Ad organizzare l'incontro di Trieste: World MaritimeRegione Friuli Venezia Giulia, Comando Generale delle Capitanerie di Porto, Capitaneria di Porto di Trieste, WISTA Women’s International Shipping and Trading Association, International Propeller Clubs, al Collegio Capitani di L.C. e D.M. di Trieste ed al Propeller Club Port of Trieste.

Le Nazioni Unite (ONU) attraverso l’International Maritime Organization (IMO) hanno dato vita al World Maritime Day per celebrare il contributo del settore marittimo internazionale all'economia mondiale e focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica sull'importanza della sicurezza a bordo e in mare e sulla necessità di preservare l’ambiente marino. L'edizione del 2019 è stata incentrata sull’emancipazione femminile in tale settore.

Protagoniste della mattinata con brevi relazioni che hanno spaziato dalle esperienze personali alle considerazioni sulla situazione femminile nell'ambito lavorativo nazionale e internazionale- Dagli interventi si è potuto capire “come sia necessario partire dall'educazione delle figlie e non aspettarsi che altri aprano le porte”.

Sono intervenute:

Michela Cattaruzza, Armatore e Amministratore Delegato Ocean,
Floriana De Franchis, Operation Manager di Trieste Marine Terminal,
Elena Pagliari Consolati, A.M.A.A. Agenzia Marittima Alto Adriatico,
Erna Hauser, Dirigente Manager Italia,
Vesna Stankovic Safety Inspector Crismani ecologia (al Terminal SIOT – Trieste),
Micol Brezza, reparto logistica/intermodale di Trieste Marine Terminal,
Lucia Napolitano, Direttore dell’Ufficio delle Dogane di Trieste,
Virginia Buzzoni, CF (CP) Comandante in seconda della Capitaneria di Porto di Monfalcone, Michela Nardulli, Presidente Italia Marittima,
Francesca Trampus, Dirigente Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Florance Colleoni, Ricercatrice OGS Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica sperimentale di Trieste e
Greta Tellarini, Professore Associato di Diritto della Navigazione dell’Università degli Studi di Bologna.
Conclusioni
Daniela Aresu, Presidente - Wista Italy
Paola Bardi, Vice Presidente Propeller Club Port of Trieste

Post correlati

CMA CGM Brazil a New York, più grande portacontainer a fare scalo nella Grande Mela e in New Jersey

Il Gruppo CMA CGM, ha annunciato lo scalo nel porto di New York della  nave CMA CGM Brazil che è […]

Flotte green, la fase post-Covid allunga i tempi ma non ferma la transizione energetica

Le compagnie marittime devono affrontare il problema del reperimento dei capitali necessari al rinnovamento delle flotte in una situazione di […]

Hapag-Lloyd si consolida in Africa occidentale – Nuovo ufficio a Lagos, Nigeria

La Nigeria, è la maggiore potenza economica dell’Africa occidentale, con grandi riserve petrolifere e una classe media in crescita, il […]


Leggi articolo precedente:
VTE Genova
Port Authority di Singapore al controllo di 2 terminal genovesi – Prossimo passo la Darsena Europa a Livorno?

GENOVA - Si è conclusa ieri l’operazione che ha visto il passaggio dei terminal container VTE e Sech del porto...

Chiudi