lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Stop agli organismi nocivi nelle acque di zavorra delle navi

Stop agli organismi nocivi nelle acque di zavorra delle navi

ROMA- Il prossimo 8 settembre entrerà in vigore la Convenzione internazionale Ballast Water Management (BWMC) che mira a prevenire gli effetti potenzialmente nocivi derivanti dalla diffusione di organismi acquatici trasportati nelle acque di zavorra delle navi.

Lo shipping mondiale si trova però in gravi difficoltà in quanto non vi è ancora la certezza riguardo all’affidabilità e alla disponibilità di impianti approvati dall’IMO (che infatti ha recentemente provveduto a rivedere la linee guida – denominate G8 – cui devono tecnicamente rispondere i predetti impianti), nonché di cantieri navali in grado di effettuare l’installazione e, soprattutto, riguardo al non allineamento con le norme degli Stati Uniti che non coincidono con quelle adottate dall’IMO.

Ciò naturalmente crea e creerà una sorta di “congestione” per le tempistiche di reperimento o e installazione degli impianti di trattamento delle acque di zavorra effettivamente rispondenti agli standard richiesti.

L’Italia non ha ancora ratificato la Convenzione BWMC, ma proprio per i motivi sopra esposti, Confitarma ha chiesto all’Amministrazione competente in materia di poter “disarmonizzare” cioè posticipare l’installazione degli impianti previsti dalla Convenzione rispetto alla scadenza fissata per il rinnovo dei certificati IOPP (International Oil Pollution Prevention Certificate - Certificato internazionale per la prevenzione dell'inquinamento da petrolio) al fine di avere la certezza di disporre del tempo necessario per ottemperare nel migliore dei modi alla norma. Questo perché la Convenzione prevede che un impianto di trattamento debba essere installato sulle navi in concomitanza della prima visita di rinnovo del certificato IOPP dopo la data di entrata in vigore della stessa.

Grazie al forte impegno di Giuseppe Mauro Rizzo, presidente della Commissione Gestione Tecnica Navi di Confitarma, dei vice presidenti e componenti della Commissione e di Lorenzo Matacena, presidente della Commissione Ambiente, nonché al costruttivo dialogo instaurato con i ministeri dell’Ambiente e delle Infrastrutture e Trasporti, il 15 maggio è stata diffusa una comunicazione a firma dei due Dicasteri con la quale si autorizzano gli Organismi Riconosciuti (i registri navali RINA, BV e DNV-GL) a rilasciare il certificato IOPP, qualora sia richiesto, prima dell’8 settembre 2017, limitando però la sua validità ad una data non successiva al 28 settembre 2020, data che coincide con l’obbligo di installare sistemi di trattamento conformi alle nuove linee guida emanate dall’IMO.

“Ringrazio la nostra Amministrazione – ha affermato Emanuele Grimaldi, presidente di Confitarma – che, tenendo conto delle discussioni in atto in ambito internazionale, ha ben compreso le esigenze degli armatori italiani e con la “disarmonizzazione” consente loro il tempo necessario per poter rispondere adeguatamente alle nuove norme della BWMC”.

Post correlati

Assemblea Assarmatori, Messina al governo: “PNRR, fare presto e bene”

“Fare presto e fare bene” è l’invito rivolto al governo dal presidente di Assarmatori Stefano Messina riguardo “la stesura definitiva […]

Assarmatori, De Micheli: «Risorse per porti e armatori nei primi 3 anni»

PNRR finanziamenti del Recovery fund destinati al settore marittimo- Risponde la ministra al MIT, Paola De Micheli intervenuta all’Annual meeting […]

Assarmatori, riprendono i lavori il 26 novembre

Giovedì 26 novembre alle ore 11,15 ripredono i lavori dell’Annual Meeting di ASSARMATORI ROMA – L’annual Meeting associativo di Assarmatori, […]


Leggi articolo precedente:
Il Port Community System LISy esteso ai porti dell’Adriatico centrale

ORTONA - Si è svolta la prima riunione con gli operatori dei porti di Pescara ed Ortona per la presentazione...

Chiudi