Shipping > Marittimi italiani: Mattioli scrive alla Meloni per fare chiarezza sulla situazione

Marittimi italiani: Mattioli scrive alla Meloni per fare chiarezza sulla situazione

Confitarma: Il presidente Mattioli scrive all'on. Meloni per un incontro in cui fornire un quadro completo e preciso della situazione dei marittimi italiani

ROMA - "Innanzitutto occorre abolire la legge 30 del 1998, prevedendo agevolazioni fiscali solo per gli armatori che imbarcano un numero congruo di marittimi italiani a bordo, e per me il numero congruo è il 90%."  Sono iniziate così le dichiarazioni di Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, sulla necessità di operare una rivisitazione del Registro Internazionale, intervenendo telefonicamente all’incontro organizzato dall’Associazione ‘Marittimi per il Futuro’ a Torre del Greco.
 
La Meloni ha proseguito manifestando forti preoccupazioni per l’armamento nazionale soprattutto in merito all’occupazione dei marittimi italiani: "La decontribuzione Inps poi deve essere prevista solo per i marittimi italiani e va posta fine alla concorrenza sleale, con pagamenti sotto una soglia congrua che mortificano gli italiani, favorendo l’imbarco di personale straniero. Inoltre anche gli stranieri a bordo di navi italiane devono saper parlare italiano, per ragioni di sicurezza, e comunque questi stranieri rientrati nella soglia che io immagino del 10% devono prendere l’abilitazione in Italia, seguendo i corsi e sostenendo i costi che sostengono i marittimi italiani"
 
Su questo intervento Mario Mattioli, presidente di Confitarma, ha scritto quindi all'on. Meloni manifestando la propria disponibilità ad un incontro per poter fornire un quadro completo e preciso della situazione.

Post correlati

CMA CGM – CEVA: Via libera della Commissione europea all’acquisizione

CMA CGM ha ottenuto il via libera della Commissione europea per l’acquisizione del 24,99% delle quote azionarie della società svizzera […]

Fincantieri, varo della nave “Seven Seas Splendor” ad Ancona

Fincantieri vara la seconda nave per la compagnia armatoriale Regent Seven Seas Cruises, brand del gruppo Norwegian Cruise Line Holdings […]

INTERVISTA/Alessandro Onorato: Porti e armatori, sfide presenti e future

Parla l’armatore Alessandro Onorato:  La portualità italiana oggi “regge alle sfide anche grazie, alla posizione geografica”. Ma in futuro saranno […]


Leggi articolo precedente:
Progetto governo Argentino Polo Antartico
L’Argentina progetta il Polo Logistico Antartico internazionale – Costo di 500 mln di dollari

BUENOS AIRES - Il governo argentino sta progettando di costruire un hub logistico internazionale in Antartico a Ushuaia,  la città...

Chiudi