Maersk rivede al rialzo le stime 2022 – Container giù i volumi mentre i noli spiccano il volo +71%

APMoller Maersk

Importante risultato nel primo trimestre 2022 per AP Møller – Mærsk sospinto nel settore container dal livello record dei noli con un aumento medio del 71% rispetto al primo trimestre del 2021 nonostante la flessione dei volumi (-7%).

AP Møller – Mærsk è costretta a rivedere al rialzo la proprie previsioni sugli utili dell’anno, lo ha annunciato il colosso danese. Un primo trimestre con un importante risultato  trainato dal settore container che ha messo a segno un aumento medio del 71% delle tariffe di trasporto rispetto al primo trimestre del 2021. Nonostante il calo dei volumi dei container potrebbero effettivamente diminuire con stime pari al -7%. Le cause principali sono il forte nervosisnmo dei mercati globali, sotto pressione per la guerra da un lato e l’inflazione a livelli elevati dall’altro.

L’EBITDA 2022  è previsto a 30 miliardi di dollari entro la fine di quest’anno, rispetto ai 24 miliardi di dollari delle previsioni precedenti (+del 25%). Fatto importante per il mercato globale dei container, Maersk ha anche dichiarato che, sulla base dell’andamento dei volumi nel primo trimestre, ha deciso di rivedere al ribasso le sue prospettive per la crescita della domanda globale di container dal 2-4% a -1/+1%.

I risultati del primo trimestre di Maersk hanno registrato ricavi pari a 19,3 miliardi di dollari, un EBITDA di 9,2 miliardi e un EBIT di 7,9 miliardi dollari.

L’importante risultato guidato dal perdurare dagli eccezionali risultati di mercato nel comparto Ocean” – settore container di Maersk – “, ha portato ad un calo del 7% dei volumi e a un aumento medio del 71% delle tariffe di trasporto rispetto al primo trimestre del 2021“, ha affermato la società, prevedendo un altrettanto forte Q2 combinato con tariffe contrattate più elevate. Nonostante la bonanza degli utili, il calo dei volumi visto nel primo trimestre e previsto per l’intero anno allarmerà molti nel trasporto di container, soprattutto considerando il gigantesco portafoglio ordini che inizierà a consegnare presto. I dati di Clarkson mostrano che ci sono 861 boxship in ordine, con una capacità combinata di 6,57 milioni di teu, pari al 26,4% della flotta esistente.

“Il forte risultato è guidato dal perdurare dell’eccezionale situazione di mercato che ha portato a un calo del 7% dei volumi e a un aumento medio del 71% dei noli rispetto al primo trimestre del 2021”, ha spiegato Maersk in una nota.

La società ha aggiunto che si aspetta che l’attuale mercato record, guidato dalla congestione portuale, continui nel secondo trimestre.

Significa che il gruppo ora prevede che l’intero 2022 sarà più forte di quanto precedentemente previsto.

Maersk sta correndo per ottenere un Ebitda di 30 miliardi di dollari entro la fine di quest’anno, 6 miliardi di dollari in più rispetto alle previsioni precedenti.

Le previsioni rimangono basate sul presupposto che i mercati si normalizzeranno all’inizio del secondo semestre.

LEGGI TUTTO
Fatturato da record nel 2022 per il gruppo Fratelli Cosulich, oltre 2,2 miliardi

TDT

Let Expo 2024

Assoporti 50anni

Confindustria Livorno

 

Confitarma auguri

MSC Spadoni

AdSP Livorno

Toremar

Laghezza

MSC