lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Hanjin: Conclusa la vicenda dei 6mila container per l’Italia

Hanjin: Conclusa la vicenda dei 6mila container per l'Italia

Si è conclusa positivamente la vicenda degli oltre 6.000 contenitori di merce destinata all’Italia trasportati dalla compagnia di trasporto marittimo Hanjin e a rischio blocco nei terminal portuali del nostro Paese una volta sbarcati. Il risultato è stato possibile grazie alla professionalità degli spedizionieri e al lavoro di squadra del sistema associativo. 

Si è conclusa positivamente la vicenda degli oltre 6.000 contenitori di merce destinata all’Italia trasportati dalle navi della compagnia di trasporto marittimo Hanjin (settima compagnia di trasporto container al mondo che lo scorso agosto ha presentato istanza di fallimento) e che rischiavano di rimanere bloccati nei terminal portuali del nostro Paese una volta sbarcati.

Nei giorni scorsi è infatti terminata, nelle tempistiche stabilite, la riconsegna dei contenitori vuoti, come da polizza fideiussoria globale sottoscritta lo scorso settembre da Fedespedi - Federazione Nazionale di Imprese di Spedizioni Internazionali - con la compagnia stessa e con tutti i terminal interessati e grazie alla quale era stata possibile la rapida consegna ai destinatari delle merci sbarcate.

La riconsegna di tutti i contenitori vuoti – ha affermato Roberto Alberti, presidente di Fedespedi - pone fine a una vicenda che ha evidenziato, ancora una volta, la grande professionalità e il ruolo strategico degli spedizionieri nella filiera del trasporto merci. In una situazione complessa e senza precedenti - ha proseguito Alberti - le nostre aziende hanno svolto al meglio il proprio lavoro al fianco della committenza, evitando danni e ripercussioni sul mercato derivanti dall’eventuale mancata consegna delle merci”.

Il sistema associativo – ha concluso Alberti - ha saputo fare quadrato riuscendo a dare un supporto ai nostri associati. L’azione di Fedespedi, con il sistema confederale, ha fornito un aiuto concreto in una crisi che avrebbe potuto avere conseguenze molto gravi per il sistema economico italiano, dall’industria al commercio, fino ai servizi”.

Post correlati

CMA CGM, nuovo servizio reefer East Med-Black Sea Express

CMA CGM ha annunciato l’avvio il 4 novembre prossimo di un nuovo servizio servizio reefer  short sea con cadenza settimanale, […]

Mercato container, volatilità tariffe – Jansen (Hapag Lloyd): “Accordi più lunghi 2-3 anni”

Il mondo della logistica e delle spedizioni è stato avvertito, nel trasporto marittimo di container il futuro, fino al 2021, […]

Record di carico per CMA CGM Jacques Saade, portacontainer a Gnl

CMA CGM Jacques Saade la prima nave portacontainer al mondo alimentata a GNL con una capacità di 23mila teu ha […]


Leggi articolo precedente:
Porto Ancona
Ancona: 2016 positivo + 4%

ANCONA Il 2016 conferma l’andamento positivo degli ultimi anni per il porto di Ancona: 8.940.503 tonnellate complessivamente movimentate, in crescita...

Chiudi