Shipping > In crisi i cantieri navali: A picco le azioni di Samsung Heavy, 3° costruttore mondiale

In crisi i cantieri navali: A picco le azioni di Samsung Heavy, 3° costruttore mondiale

SEOULSamsung Heavy Industries,  il terzo più grande costruttore navale del mondo, ha annunciato un piano di vendita di azioni e ha subisce un crollo record alla borsa di Seoul. La società prevede che la domanda di nuove navi e progetti offshore continueranno a diminuire, pertanto questo spingerà in perdita la società quest’anno e il prossimo, rispetto alle stime prodotte dagli analisti che prevedevano utili. 
La caduta della domanda per ordini, perdite attese da alcuni contratti vinti quest’anno e l’aumento dei costi delle materie prime hanno portato la società a prevedere perdite per quest’anno e il prossimo. Ci aspettiamo un miglioramento della situazione nel 2019″. 
 
Le cose sono quindi davvero peggiorate per Samsung Heavy e secondo i maggiori analisti del mercato e la causa sarebbe da ricercare nella lentezza con cui la società ha risposto alle condizioni di indebolimento del mercato e si prevede pertanto che per il 2018 non sarà bello per l’azienda.
cantieri navali dalla Corea del Sud a Singapore hanno lottato per uscire dalle perdite dopo la crisi finanziaria globale, in un contesto di sovraccapacità a livello mondiale e di un crollo dei prezzi del petrolio che ha frenato la domanda di navi e piattaforme di perforazione offshore. 
L’anno scorso è stato il peggiore per l’industria, con il crollo di Hanjin Shipping, tra le più grandi linee di container del mondo. I primi costruttori navali mondiali: Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering e Hyundai Heavy Industries in Corea del Sud che sono i maggiori concorrenti di Samsung Heavy, hanno subito anch'essi un contraccolpo che ha prodotto un ribasso delle quotazioni. Le azioni di Samsung Heavy sono scese del 29% per chiudere a 8.960 a Seoul, con un valore di mercato di circa 3,2 miliardi di dollari. Hyundai Heavy è diminuito del 6,2% e Daewoo Shipbuilding è sceso del 2,8%. Il ridimensionamento degli ordini di nuove navi a causa delle crescenti perdite ha aumentato la preoccupazione che le finanze dei tre costruttori navali coreani possano essere ulteriormente danneggiate. Prospettive cupe per l’industria cantieristica globale.

Post correlati

Gruppo Grendi: Nata la compagnia marittima ProCargo Line – Collegamenti con la Tunisia

Il Gruppo Grendi annuncia la nascita della nuova compagnia marittima ProCargo Line – I soci di sono: Gruppo Grendi, Vittorio Bogazzi e […]

Livorno raccoglie onori dal 6° Med Ports

di Roberto Lippi   LIVORNO – Dopo Tangeri nel 2016 e lo scorso anno a Barcellona, per il 2018 la sede […]

Le Compagnie Imprese Portuali al fianco di Assoporti: “Authority, nessuna infrazione”

ROMA – L’Associazione Nazionale Compagnia Imprese Portuali (ANCIP) interviene in merito alla procedura d’infrazione che la Commissione Europea ha emesso […]


Leggi articolo precedente:
Livorno: Entrata in porto MSC “Adelaide” la maxi nave della linea Sud America

   LIVORNO - Le buone condizioni meteorologiche di stamani, solo sette nodi di vento, hanno permesso l’ingresso in porto della nave...

Chiudi