lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > In crisi i cantieri navali: A picco le azioni di Samsung Heavy, 3° costruttore mondiale

In crisi i cantieri navali: A picco le azioni di Samsung Heavy, 3° costruttore mondiale

SEOULSamsung Heavy Industries,  il terzo più grande costruttore navale del mondo, ha annunciato un piano di vendita di azioni e ha subisce un crollo record alla borsa di Seoul. La società prevede che la domanda di nuove navi e progetti offshore continueranno a diminuire, pertanto questo spingerà in perdita la società quest’anno e il prossimo, rispetto alle stime prodotte dagli analisti che prevedevano utili. 
La caduta della domanda per ordini, perdite attese da alcuni contratti vinti quest’anno e l’aumento dei costi delle materie prime hanno portato la società a prevedere perdite per quest’anno e il prossimo. Ci aspettiamo un miglioramento della situazione nel 2019″. 
 
Le cose sono quindi davvero peggiorate per Samsung Heavy e secondo i maggiori analisti del mercato e la causa sarebbe da ricercare nella lentezza con cui la società ha risposto alle condizioni di indebolimento del mercato e si prevede pertanto che per il 2018 non sarà bello per l’azienda.
cantieri navali dalla Corea del Sud a Singapore hanno lottato per uscire dalle perdite dopo la crisi finanziaria globale, in un contesto di sovraccapacità a livello mondiale e di un crollo dei prezzi del petrolio che ha frenato la domanda di navi e piattaforme di perforazione offshore. 
L’anno scorso è stato il peggiore per l’industria, con il crollo di Hanjin Shipping, tra le più grandi linee di container del mondo. I primi costruttori navali mondiali: Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering e Hyundai Heavy Industries in Corea del Sud che sono i maggiori concorrenti di Samsung Heavy, hanno subito anch'essi un contraccolpo che ha prodotto un ribasso delle quotazioni. Le azioni di Samsung Heavy sono scese del 29% per chiudere a 8.960 a Seoul, con un valore di mercato di circa 3,2 miliardi di dollari. Hyundai Heavy è diminuito del 6,2% e Daewoo Shipbuilding è sceso del 2,8%. Il ridimensionamento degli ordini di nuove navi a causa delle crescenti perdite ha aumentato la preoccupazione che le finanze dei tre costruttori navali coreani possano essere ulteriormente danneggiate. Prospettive cupe per l’industria cantieristica globale.

Post correlati

Una nave su tre trasporta Oil&gas, il boom di GNL e della rotta artica – Studio SRM “Med & Italian Energy”

Una nave su tre trasporta Oil&gas: pari a 3,1 mlrd di tonn. di cui 60% petrolio e derivati e 40% […]

Fincantieri taglio della prima lamiera per Windstar Cruises, contratto da 250 milioni

Progetto Star Plus per l’allungamento, la sostituzione dell’apparato motore e l’ammodernamento di tre unità della flotta Windstar Cruises ad opera […]

Giovani Armatori di Confitarma: Il trasporto marittimo eco-compatibile

GENOVA– Il Gruppo Giovani Armatori di Confitarma si è riunito oggi a Genova presso il Museo del mare per un incontro sul tema sui combustibili a basso contenuto […]


Leggi articolo precedente:
Livorno: Entrata in porto MSC “Adelaide” la maxi nave della linea Sud America

   LIVORNO - Le buone condizioni meteorologiche di stamani, solo sette nodi di vento, hanno permesso l’ingresso in porto della nave...

Chiudi