Ports > Trieste: Traffici record nel 2017, investimenti e progetti 2018 / Convegno Propeller Club

Trieste: Traffici record nel 2017, investimenti e progetti 2018 / Convegno Propeller Club

TRIESTE – “Porto di Trieste, traffici record nel 2017: investimenti e progetti per il 2018”. Con questo titolo a guidare gli interventi dei relatori, si svolgerà lunedì 29 Gennaio, alle 18.00 all’Hotel Greif Maria Theresia di Viale Miramare a Trieste, il primo incontro di quest’anno organizzato dal Propeller Club Port of Trieste.
 
Una serata d’informazione per fare il punto sul traffico complessivamente movimentato nel 2017 dal porto di Trieste e di quello dei maggiori terminal, ma anche sulle prospettive di crescita per uno scalo che sta assumendo, sempre più, forma di sistema logistico ed industriale, in grado di favorire in maniera determinante l’economia e l’occupazione sul territorio.

Il porto giuliano, infatti, per forte volontà dell’attuale governance dell’Autorità di Sistema portuale, sta espandendo i propri “interessi” nel campo industriale ed in quello logistico, anche grazie all’avvio di un utilizzo sistematico delle prerogative del Porto Franco.Traffici ro-ro lungo l’Autostrada del mare con la Turchia, linee di servizi container con il Far East ed Intra-Med, ulteriore, forte sviluppo dei collegamenti ferroviari con il Sud ed Est Europa, potenziamento dell’Interporto di Trieste, lavori in corso per la piattaforma logistica e razionalizzazione delle aree a disposizione per nuovi insediamenti industriali rappresentano le colonne portanti dello sviluppo presente e futuro.
A tutto ciò si aggiunge l’importante attività del Punto Franco petroli, mediante la quale viene effettuata la fornitura di greggio ai Paesi dell’Europa centrorientale. 
 
Quali sono stati i principali fattori di crescita nell’anno appena trascorso? Quali sono le prospettive a breve e medio termine? A queste ed ad altre domande daranno risposta i relatori invitati all’incontro: Zeno D’Agostino, presidente AdSp del Mare Adriatico orientale; Antonio Gurrieri, Ad Alpe Adria; Francesco Parisi, presidente Gruppo Parisi; Giacomo Borruso, presidente Interporto di Trieste; Enrico Samer, presidente Samer & Co Shipping; Alessio Lilli, presidente Siot e Fabrizio Zerbini, presidente Trieste Marine Terminal.

Post correlati

Nel 2018 sono transitate dal Canale di Suez 18 mila navi (+3,6%) – Effetti sul Mediterraneo

Effetti del nuovo Canale di Suez sui traffici nel Mediterraneo. Convegno “Le prospettive marittime del Mediterraneo, tra canale di Suez e […]

Genova, Terminal San Giorgio firmata la concessione fino al 2033, previsti investimenti e assunzioni

GENOVA – Firmata ieri la concessione di Terminal San Giorgio, terminal multipurpose nel porto di Genova- Sampierdarena. La richiesta del […]

Napoli, Impatto del nuovo Canale di Suez sui traffici del Mediterraneo /Studio SRM:

NAPOLI – E’ in svolgimento stamani a Napoli  il convegno “Le prospettive marittime del Mediterraneo, tra Canale di Suez e […]


Leggi articolo precedente:
Le prime chiatte portacontainer elettriche dai porti del Nord Europa

ROTTERDAM - Dalla prossima estate saranno in funzione dai porti di Anversa, Amsterdam e Rotterdam, le prime chiatte portacontainer per...

Chiudi