Rossi (Assarmatori): «I porti investano in cold ironing e nuovi carburanti, o verranno esclusi»

Alberto Rossi

ROMA – Le sfide della decarbonizzazione di cui l’industria armatoriale é investita come settore “hard to Abate”,  impongono anche ai porti investimenti in nuove infrastrutture per il rifornimento di cold ironing e depositi per i nuovi carburanti, in parte ancora da individuare: idrogeno, ammoniaca e metanolo.

I porti nazionali si dovranno, pertanto, attrezzare o rimarranno esclusi a causa della loro inefficienza. E’ il monito lanciato dal segretario generale di Assarmatori, Alberto Rossi, sentito da Corriere marittimo in vista dell’Annual Meeting dell’Associazione degli armatori italiani, dell’Unione Europea e dei paesi terzi che operano in Italia. Assemblea che si apre domani, 12 luglio, a Roma in presenza presso il Grand Hotel Parco dei Principi e in modalità digitale.

«Dobbiamo riportare la discussione sia sulla transizione energetica, sia sulla dinamica di spese degli investimenti del Pnrr anche nella parte mare» – specifica Rossi – «Spesso si parla della parte logistica riferendosi ai trasporti terrestri, che sono fondamentali. Ma anche il porto, come centro di transizione tra mare e terra, è fondamentale. Noi armatori ambiamo ad essere considerati come parte di questo sistema di cui siamo diventati infrastruttura essenziale, soprattutto per quanto riguarda il trasporto dei contenitori e i servizi ai traghetti».

«Il cliente del porto è la nave»  e il rapporto commerciale si consoliderà  «se il porto è efficiente, veloce, poco costoso e sarà idoneamente attrezzato: sia di energia elettrica per il rifornimento di cold ironing, sia i depositi per la distribuzione dei carburanti innovativi che dovranno essere ancora individuati».

Le attese degli armatori sono chiare: «ci aspettiamo un porto efficiente anche sotto questo profili, perché se non sarà efficiente perchè il cold ironing non funzionerà e, soprattutto non ci saranno i carburanti innovativi, le navi che saranno dual fuel e avranno la presa del cold ironing, cercheranno di evitare quel porto per le conseguenze estremamente penalizzanti del dovere bruciare carburanti tradizionali”.

I depositi dove sono? – Si possono prevedere depositi nei porti nazionali? Sono gli interrogativi che il segretario di Assarmatori pone al settore. «Gli armatori sono costretti ad utilizzare i nuovi carburanti, perché la nuova fuel EU Maritime e la nuova ETS, daranno una serie di costi indiretti molto pesanti che, invece, gli armatori dovranno evitare. Il porto deve essere competitivo e deve fare gli investimenti che la transizione energetica impongono. I depositi di idrogeno, ammoniaca e, quando, arriverà il metanolo. I porti si devono attrezzare con i depositi dei nuovi carburanti».

Lucia Nappi

LEGGI TUTTO
Catania, il generale Errigo nominato commissario dell'Autorità portuale della Sicilia Orientale

TDT

Let Expo 2024

Assoporti 50anni

Confindustria Livorno

 

Confitarma auguri

MSC Spadoni

AdSP Livorno

Toremar

Laghezza

MSC