Ortona, pubblicati due bandi per consolidare la banchina e la transizione energetica

porto Ortona

ORTONA – L’AdSP ha pubblicato due bandi di gara per la progettazione esecutiva e l’esecuzione del consolidamento del primo tratto della banchina di Riva e l’elettrificazione delle banchine d’ormeggio per la fornitura di energia alle gru semoventi.  Si tratta di investimenti finanziati dal Piano complementare al PNRR del ministero delle Infrastrutture e trasporti.

Lo ha annunciato in conferenza stampa il presidente dell’Autorità di Sistema portuale del mare Adriatico centrale, Vincenzo Garofalo, insieme al comandante della Capitaneria di porto di Ortona, capitano di Fregata Dario Ambrosino. Presenti all’incontro: il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, l’amministratore delegato di Sogesid, Errico Stravato e l’assessore al turismo della Comune di Ortona, Cristiana Canosa.

“Presentiamo oggi due bandi per il porto di Ortona che ci permetteranno di iniziare il necessario percorso di transizione energetica dello scalo e il primo intervento di consolidamento della banchina di Riva, un’opera molto attesa dagli operatori, nel pieno rispetto dei termini di spesa del Pnrr – ha detto il presidente dell’AdSP, Garofalo -. Azioni per rispondere in termini logistici ed infrastrutturali ai bisogni del sistema commerciale e manifatturiero dell’Abruzzo, in un contesto nazionale ed europeo. Progetti che abbiamo realizzato in sintonia con gli Enti territoriali, delle Capitanerie di porto e anche con il prezioso supporto di Sogesid , con una collaborazione fra strutture dello Stato che assume un valore aggiunto anche in termini operativi”.

Intervento sulla banchina di Riva

L’intervento programmato sulla banchina di Riva, per un investimento complessivo di 13 milioni di euro, dovrà consolidare il primo tratto e il relativo piazzale, pari ad una lunghezza di 230 metri e una larghezza di 30 metri. I lavori dell’ente portuale porteranno alla riqualificazione e al potenziamento delle strutture di banchina esistenti per adeguarne la funzionalità ai moderni standard dei traffici commerciali marittimi, per poter successivamente procedere all’approfondimento dei fondali portuali per adeguarli alle esigenze dei nuovi vettori commerciali dello shipping.

LEGGI TUTTO
CULP Savona, Comitato di Gestione ok inserimento in organico operativo 18 soci speciali

Il progetto, redatto dalla società Modpro, prevede la realizzazione di un consolidamento tramite un “rifodero” dell’attuale fronte del primo tratto della banchina di Riva oltre che la costruzione di una pavimentazione semirigida ad alte prestazioni per garantire una opportuna resistenza e funzionalità anche per carichi eccezionali. Il tratto di banchina sarà arredato con bitte, parabordi cilindrici, paraspigolo e scalette alla marinara in acciaio inox.

Elettrificazione gru semoventi

L’Autorità di Sistema Portuale realizzerà, inoltre, l’infrastruttura per alimentare mediante elettrificazione le gru semoventi che operano sul molo Nord e sulla banchina di Riva, con un investimento di 2 milioni di euro. Un intervento, per il quale è in pubblicazione la gara che prevede che le offerte debbano arrivare entro il 6 novembre 2023, che ha lo scopo di eliminare il consumo di combustibili fossili che alimentano le gru stesse, riducendo le emissioni di inquinanti in atmosfera, nonché l’inquinamento acustico. I lavori dovranno essere realizzati entro giugno 2026.

Il progetto di elettrificazione è stato curato da Sogesid, società “in house” del ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica e del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con cui l’Autorità di sistema portuale ha sottoscritto a settembre 2022 una convezione attuativa per la progettazione del cold-ironing. L’elettrificazione delle banchine interessa, infatti, i porti di Ancona, Pesaro, San Benedetto del Tronto nelle Marche, di Ortona e Pescara in Abruzzo, con un investimento complessivo di 11 milioni di euro.

Cold-ironing porti di Ortona e Pescara

L’Autorità di sistema portuale sta inoltre procedendo, sempre con il supporto di Sogesid, all’elettrificazione della banchina del molo Martello nel porto di Ortona e delle banchine di Riva e di Levante del porto di Pescara. L’intervento per ognuno dei porti avrà un investimento di 500 mila euro, destinato alla realizzazione dell’infrastruttura di cold-ironing, studiata sulle specifiche necessità dei due scali grazie al proficuo confronto con gli operatori e con le locali Capitanerie di porto.

LEGGI TUTTO
Genova, Blue Economy Summit e giornata del mare

Dichiarazioni

“Oggi è un momento importante” –  ha affermato il governatore Marsilio – “Sin dal mio insediamento mi sono impegnato per garantire l’impegno della Regione Abruzzo nel conseguire i finanziamenti sia del Pnrr sia statali per lo sviluppo dello scalo di Ortona. I lavori che adesso si andranno a realizzare sono un punto fermo per lo sviluppo economico, i trasporti e la crescita dell’intero territorio”.

Sogesid S.p.A. è fortemente impegnata nell’implementazione di progetti infrastrutturali di rilevanza nazionale, e questa partnership con l’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale rappresenta un passo importante verso la modernizzazione delle infrastrutture portuali, la sostenibilità ambientale e la promozione della competitività della regione, mettendo a sistema interventi di riqualificazione come previsto dal Piano Nazionale per gli Investimenti Complementari al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR)” ha dichiarato Errico Stravato, Amministratore delegato di Sogesid.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC