MoSE, possono riprendere i lavori di completamento

Venezia MOSE

VENEZIA – Il Tribunale Fallimentare di Venezia ha approvato oggi il piano attestato di risanamento presentato dal Consorzio Venezia Nuova (CVN) lo scorso 28 febbraio, che costituisce il passaggio fondamentale per il superamento della profonda crisi finanziaria in cui versava e per la ripresa dei lavori di completamento del MoSE.

“Si è risolta positivamente la procedura che ha interessato il Consorzio, concessionario del Mims per la realizzazione degli interventi per la salvaguardia di Venezia e della sua laguna, evitandone il fallimento”, ha commentato il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini. “Ora potranno riprendere i lavori per completare il MoSE, esempio di eccellenza non solo per Venezia ma per l’intero sistema Paese, che sarà in grado di mettere definitivamente in sicurezza dal fenomeno dell’acque alta la città con il suo grande e unico patrimonio artistico, culturale e ambientale”.

La definizione del piano di risanamento del CVN è stata possibile dopo l’accordo transattivo del 1 febbraio scorso tra il Provveditorato alle Opere Pubbliche del Triveneto del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e il Consorzio, che aveva ottenuto il via libera dalla Corte dei Conti il 21 febbraio.

Si delinea dunque il programma di completamento di tutte le opere finanziate in laguna attraverso un rinnovato cronoprogramma dei lavori di ultimazione delle barriere e delle conche, la loro messa in esercizio, nonché degli interventi paesaggistici e ambientali previsti nel Piano Europa, con la salvaguardia del sistema di imprese del CVN e dei posti di lavoro.

LEGGI TUTTO
Comitato di gestione provvisorio si insedia la prossima settimana a Livorno

TDT

Let Expo 2024

Assoporti 50anni

Confindustria Livorno

 

Confitarma auguri

MSC Spadoni

AdSP Livorno

Toremar

Laghezza

MSC