lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Livorno, Espo/Toninelli: Priorità del Governo per i porti: Ultimo miglio, opere a mare e Via della Seta

Livorno, Espo/Toninelli: Priorità del Governo per i porti: Ultimo miglio, opere a mare e Via della Seta

di Lucia Nappi

LIVORNO - Il ministro Danilo Toninelli è intervenuto pochi minuti fa a Livorno durante la prima giornata di ESPO Conference, il vertice annuale delle realtà portuali europee (Conferenza dell'European Sea Ports Organisation) che si svolge ogni anno in un diverso paese europeo, riunitosi per la prima volta in Italia, con appuntamento a Livorno oggi e domani 23 e 24 maggio,  nella cornice dello storico Teatro Goldoni,

"Un grandissimo appuntamento questo, - ha detto Toninelli - a dimostrazione della centralità che ha l’Italia nell’ambito della Comunità europea” - Sono 37 milioni i passeggeri che il sistema dei trasporti via mare, crociere e traghetti, muove in Europa numeri che delineano “un mercato enorme e straordinario per il quale dobbiamo farci trovare pronti ad accogliere come sistema Europa e sistema Italia" ha sottolineato il ministro.

Competitività, innovazione tecnologica, centralità delle infrastrutture logistiche e la sostenibilità ambientale sono le priorità che l’Europa e l’Italia si pongono in quuesto ambito. La portualità europea a livello globale: vede i tre porti del Nord: Rotterdam, Anversa e Amburgo che insieme all'area del Mar Mediterraneo costituiscono l'offerta europea nel mercato globale. "Il Mediterraneo -spiega quindiil ministro -"ha avuto un margine di crescita negli ultimi 20 anni pari al 500% di traffico commerciale."

L'impegno del Governo nei confronti del settore: "L'incremento dei traffici, l'incremento delle superfici disponibili per imbarco, sbarco e sosta dei contenitori, le opere marittime in difesa delle infrastrutture portuali, la profondità dei fondali, potenziamento delle vie di accesso via terra soprattutto ferroviare, ultimo miglio ferroviario. " Il mercato globale a cui l'Italia guarda conclude Toninelli è quello asiatico: "La firma del Memorandum con la Cina, ha posto le fondamenta per cogliere queste opportunità" -  che delineano l’Italia e l’Europa soggetti partner della Cina  nell'azione di valorizzazione dei propria attività produttiva e industriale aumentandone i flussi  di esportazione verso l'Oriente.

Post correlati

Piombino calano i traffici nel I°quadrimestre -31,9%

Effetti della pandemia da Coronavirus sull’andamento dei traffici del porto di Piombino – Il 1° quadrimestre si è chiuso con […]

Lavoro portuale, autoproduzione – I sindacati al Mit: No all’incertezza normativa

Incertezza normativa quella denunciata dalle Segreterie nazionali dei sindacati FILT-CGIL, FIT-CISL, UilTrasporti che mette in seria difficoltà le “imprese articoli […]

Rimorchio portuale, riorganizzazione unilaterale – Arriva il “NO” dei sindacati al MIT

I sindacati si oppongono alla circolare con cui il Mit sollecita le Autorità marittime e portuali alla riorganizzazion e unilaterale […]


Leggi articolo precedente:
Vado Ligure, APM Terminals previsioni di occupazione in crescita

La partnership fra APM Terminals e ZPMC Italia genera nuova occupazione - I piani di assunzione del personale e le...

Chiudi