lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Green pass lavoratori: Porti Alto Tirreno: “Al momento nessuna criticità”

Spadoni

Green pass lavoratori: Porti Alto Tirreno: "Al momento nessuna criticità"

Dall'Autorità di Sistema Portuale dell'Alto Tirreno si ricorda che con una propria circolare il Ministero dell’Interno ha sensibilizzato i datori di lavoro affinché valutino di mettere a disposizione del personale sprovvisto di certificazione verde test molecolari o antigenici rapidi gratuiti.

LIVORNO - A due giorni di distanza dall'entrata in vigore dell’obbligo per i lavoratori di presentare il green pass o un tampone di recente effettuazione, non si registrano nei porti dell'Alto Tirreno l'Autorità di Sistema fa sapere che "al momento non si riscontrano particolari criticità".

L'AdSP ha infatti avviato nei giorni scorsi una ricognizione generale per monitorare l’andamento della situazione vaccinale e valutare la presenza di eventuali problemi relativi allo svolgimento in sicurezza del lavoro nei porti del Sistema.

Il riscontro ha avuto un esito negativo. Le imprese che sino ad oggi hanno risposto alle richieste di chiarimento hanno sostanzialmente fatto sapere di non avere particolari problemi operativi.

In una nota a firma del segretario generale, Matteo Paroli, l'AdSP ha peraltro invitato le imprese ad adeguare i propri protocolli anti-contagio aziendali ed ad ottemperare alle previsioni del D.L. 21 settembre 2021, n. 127.

L'AdSP ha ricordato che l’articolo 3 del Decreto legge dispone l’obbligo di possedere ed esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID -19 da parte di chiunque svolga un’attività lavorativa ai fini dell’accesso ai luoghi lavorativi.

Nella nota segretariale si è ricordato che sono, tuttavia, esclusi dall’obbligo di possedere la certificazione verde quei soggetti che siano esentati dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute.

L'obbligo di ottemperare alle previsioni del D.L. è posto in capo al datore di lavoro, il quale dovrà definire le modalità operative per l’organizzazione delle verifiche sul possesso della certificazione, anche a campione, prevedendo, prioritariamente, ove possibile, che tali controlli siano effettuati al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro.

Il segretario ha infine rappresentato che con una propria circolare il Ministero dell’Interno ha sensibilizzato i datori di lavoro affinché valutino di mettere a disposizione del personale sprovvisto di certificazione verde test molecolari o antigenici rapidi gratuiti.

Post correlati

Propeller Club port of Venice, Carnielli confermata presidente per acclamazione

VENEZIA –  L’Assemblea Ordinaria dei Soci del Propeller Club Port of Venice, svolta presso l’Hotel Bologna di Mestre, ha confermato […]

Assemblea Federagenti, Santi: «L’Italia si chieda se vuole continuare ad essere porto»

E’ la domanda provocatoria che il presidente di Federagenti, Alessandro Santi, lancia all’Assemblea Generale, platea da dove formula l’idea di […]

Federagenti, Bucci «Opere PNRR, il modello Genova: Procedure in parallelo e presa di responsabilità»

PNRR, arrivare in tempo all’appuntamento del 2026 – Il sindaco di Genova Bucci mostra la via: il modello della ricostruzione […]


Leggi articolo precedente:
PSA Genova
Sciopero PSA Genova – L’autotrasporto chiede presidi esterni al porto per i tamponi

GENOVA - Si è concluso stamani alle 12,00 il Tavolo di confronto urgente, iniziato questa mattina alle 8,00 in Prefettura...

Chiudi