Gioia Tauro, archiviazione procedimento penale a carico di dipendenti dell’AdSP

Si chiude un’annosa vicenda che ha coinvolto l’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno meridionale e Ionio. e i suoi dipendenti, con il rischio concreto di infangarne anche l’immagine dell’Istituzione che, da sempre, ha agito e agisce per garantire la legalità sul territorio"
Gioia Tauro

GIOIA TAURO – Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Palmi, Federica Giovinazzo, ha archiviato il procedimento penale nei confronti dei già segretari generali Salvatore Silvestri e Saverio Spatafora, del dirigente Pasquale Faraone e del funzionario Antonio Rizzuto dell’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno meridionale e Ionio.

Su indicazione del Pubblico Ministero Rocco Cosentino, che ha evidenziato l’insussistenza di fattispecie penalmente rilevanti per l’integrazione dei reati di abuso d’ufficio, disciplinati sia dall’art.323 del Codice penale nella sua vecchia formulazione che nella sua riformulazione, alla luce della documentazione prodotta e delle dichiarazioni rese dal dirigente Faraone.

Il procedimento penale prende atto da una serie di esposti formulati da un operatore portuale di Crotone riguardanti presunte disparità di trattamento esercitate a suo danno dall’Ente.

Nel rivolgersi alla Magistratura ha denunciato il danno subito a favore di altri operatori che, a suo dire, sarebbero stati sprovvisti di idonei strumenti ad operare in porto.

In particolare, l’operatore crotonese lamentava il fatto che gli allora Segretari Generali, il dirigente dell’area lavoro portuale e il funzionario avessero incardinato l’istruttoria degli atti, attestando falsamente che altri operatori avessero i requisiti organizzativi, tecnici ed economici per potere esercitare all’interno dello scalo portuale crotonese, mentre, sempre a parer suo, tali requisiti non sarebbero sussistiti.

Per tanto, l’Ente avrebbe autorizzato ad esercitare soggetti economicamente non qualificati, esercitando così una distorsione della concorrenza di mercato a danno del querelante che, invece, sosteneva essere l’unico in possesso delle specifiche attestazioni richieste.

Nel corso del procedimento penale, è stato dimostrato quanto tali argomentazioni fossero prive di fondamento, evidenziando altresì la piena correttezza e il rispetto della legge dimostrati dall’Ente nell’esercizio della propria funzione amministrativa.

Si chiude, così, un’annosa vicenda che ha coinvolto l’Ente e i suoi dipendenti, con il rischio concreto di infangarne anche l’immagine dell’Istituzione che, da sempre, ha agito e agisce per garantire la legalità sul territorio.

Un’indagine, iscritta nel 2015, inizialmente dalla Procura di Crotone e poi spostata a Palmi, che ha altresì coinvolto personalmente i dipendenti dell’Ente che, a distanza di anni, possono pubblicamente vedere riconosciuta la correttezza del proprio agire.

<<Nell’esprimere grande soddisfazione per la decisione del Tribunale di Palmi – ha dichiarato il presidente dell’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno meridionale e Ionio Andrea Agostinelli – accolgo con sollievo gli esiti del procedimento, a dimostrazione della fiducia sempre riposta nell’operato amministrativo dei miei dirigenti e dei miei dipendenti, non sottacendo l’amarezza e il disagio provati dagli stessi nell’attesa che fosse fatta piena luce sulla vicenda>>.

LEGGI TUTTO
Trasporti marittimi e crescita blu, connubio possibile? - Blue Sea Land, 23 ottobre

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC